Roma, la maledizione dei crociati: 19 in 6 anni e mezzo

Florenzi (foto Mancini)
di Romolo Buffoni
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 9 Settembre 2020, 09:30

Sei anni e mezzo così non si augurano nemmeno al peggior nemico. In questo lasso di tempo la Roma ha visto crollare e andare sotto ai ferri quindici suoi giocatori, per diciannove volte messi ko dalla rottura dei legamenti crociati di un ginocchio. Serie che, se si considera la disavventura capitata a Marco Tumminello quando, di proprietà dei giallorossi, vestiva in prestito la casacca del Crotone, sale a 16 calciatori rotti in 20 occasioni. Una catena di disgrazie sportive di cui, nel mondo, non si ha notizia essercene di simili. Una maledizione? Facile cadere nelle suggestioni sovrannaturali di cui comunque lo sport si nutre da sempre (l’anatema di Bela Guttmann al Benfica «senza di me in panchina non vincerete più in Europa» è la più celebre, con i portoghesi costretti a giocare e perdere ben 8 finali di coppa da quel giorno). E in fondo anche la Roma un po’ ci ha creduto quando chiamò, giusto il 25 ottobre dell’anno scorso, Monsignor Fisichella a benedire i campi di allenamento del centro sportivo di Trigoria. Campi che, prima dell’acqua santa, avevano ricevuto il trattamento del rifacimento totale perché accusati di essere troppo duri.

DALL’OLANDESE ALL’OLANDA
In giro con le loro nazionali, al Bernardini, all’Olimpico o in trasferta, il tremendo infortunio che nel calcio è ormai considerato alla stregua di una “tassa da pagare”, colpisce la Roma con singolare continuità e frequenza. Dal crac di Strootman a Napoli del 9 marzo 2014, al secondo trauma patito da Zaniolo ad Amsterdam lunedì, non c’è pace per i colori giallorossi. In quattro hanno dovuto subire la rottura dell’articolazione due volte: Strootman, Florenzi, il giovane Bouah e appunto Zaniolo. In mezzo al “tritacarne” ci sono finiti big come Rudiger, Mario Rui, Emerson Palmieri, Karsdorp e Zappacosta e giovani speranze come Capradossi, Ponce, lo sfortunatissimo Nura (costretto a smettere per problemi cardiaci), Calafiori e Bianda. Una “guerra” che non guarda in faccia nessuno ma che sembra concentrarsi solo sul colore (giallorosso) della maglia. Dal ko di Kevin l’olandese a quello di Nicolò contro l’Olanda, i tifosi sperano che almeno il cerchio dell’infame destino si sia finalmente chiuso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA