Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Brillante Torrino, sfida al Lido Ostia
Venditti: «Stasera serve un'impresa»

Maurizio Venditti
di Diego Cappelli
2 Minuti di Lettura
Martedì 14 Febbraio 2017, 13:08

Non c’è due senza tre, recita il detto. Che in questo caso, almeno a guardare le formazioni di partenza, sembra quasi una sentenza: Lido di Ostia sempre più sui binari della promozione, e Brillante Torrino reduce da due ko consecutivi in campionato, che deve fare a meno di pedine importanti come Gallinica, Fabozzi, Fantini e Sebastianelli. Ma stavolta, però, si parla di coppa Italia: al PalaDiFiore c’è in palio l’accesso alla Final Eight e basta questo per capire che si tratta di un match che non può essere ingabbiato in uno schema. Dove non ci sono precedenti che contano anche se, anche in questo caso, i pronostici sono tutti dalla parte dei ragazzi di Matranga.

VENDITTI – «Una partita inizia sempre da zero a zero – dichiara Maurizio Venditti, coach della Brillante Torrino – per questo in partenza abbiamo le stesse possibilità di passare il turno. Certo, se analizziamo il momento e le condizioni in cui arriviamo a questa partita è chiaro che serve un’impresa: il morale non è al massimo dopo le due ultime sconfitte consecutive in campionato, le assenze sono tante e pesanti e loro, rispetto alla sfida del PalaTorrino, possono fare affidamento anche su De Cicco e Cutrupi. Dovremo essere ancora più bravi e offrire una prestazione superiore rispetto a quella offerta in campionato, solo così potremo provare ad avere la meglio di una squadra che, in questa stagione, ha dimostrato di essere migliore di noi e che viaggia a vele spiegate verso la serie A2».

© RIPRODUZIONE RISERVATA