L'SFF Atletico si arrende al Lanusei.
Sardi derubati prima della partita

Giovedì 14 Febbraio 2019 di Umberto Serenelli
Il difensore Carta (Lanusei) trascina con un braccio Rizzi (Atletico) che sta per concludere a porta vuota: l'arbitro non ha ravvisato la massima punizione

Prosegue la striscia negativa dell’SFF Atletico costretta in casa dalla capolista Lanusei alla terza battuta d’arresto consecutiva (1-0). E’ chiaro che è il momento no dell’Atletico la cui voglia di vincere ha pressato per ben 20’ i blasonati avversari senza però violare la porta difesa dall’ottima La Gorga. I padroni di casa le hanno provate tutte e alla fine recriminano per aver colpito una traversa con Gagliardini e soprattutto protestato per netto fallo da rigore non rilevato dall’impreparata terna proveniente da Termoli. Di contro i sardi hanno sciorinato un ottimo football a conferma che il primato non è una casualità e vantano di aver colpito un legno grazie a una bordata di Ladu.
 
AVVIO DOMINATO DALL’ATLETICO
Padroni di casa subito minacciosi con Tortolano che serve Ortenzi anticipato da La Gorga. Al 15’, assist di Tornatore per D’Andrea in area e l’estremo difensore si fa applaudire per una provvidenziale uscita a valanga. Qualche minuto dopo è ancora La Gorga a deviare in angolo un diagonale di Tornatore. Al 19’, tiro senza pretese di D’Andrea che si perde oltre la trasversale. Gli ospiti si fanno minacciosi con “missile” dal limite di Ladu che colpisce la traversa interna, la sfera batte sulla linea e torna in campo. Pronta la replica dei tirrenici: cross di Pompei su cui svetta Gagliardini che vede il pallone stamparsi sulla traversa. Al 38’, Floris semina panico sulla fascia destra ma viene bloccato da Di Emma. Al 40’, bordata di Tortolano respinta dal portiere.
 
BERNARDOTTO STENDE I TIRRENICI
I secondi 45’ di gioco si aprono con un tiro ravvicinato di Tortolano messo angolo. All’8’, il giovane D’Andrea si fa minaccioso ma La Gorga non si fa sorprendere. Capovolgimento di fronte e Macci intercetta un tiro ravvicinato di Bernardotto. Al 21’, gli ospiti mettono a segno il gol-partita: dagli sviluppi di un angolo l’attaccante Bernardotto gonfia la rete alle spalle di Macci. L’Atletico reagisce con carattere e sfiora il pari con una deviazione aerea di Tornatore. Al 24’, ci prova Demontis ma Macci è attento. Al 26’, arriva l’espulsione di Ortenzi per doppia ammonizione. In dieci i locali si gettano in avanti e, al 34’, si fanno minacciosi con Campanella al quale risponde il portiere respingendo con la punta di un piede la sua conclusione ravvicinata, sulla sfera si avventa Rizzi che viene abbracciato e messo a terra da Carta: rigore netto che l’inesperto arbitro non ravvisa. Prima del fischio finale per due ben volte Demontis manca il bersaglio.
 
LANUSEI DERUBATO PRIMA DELLA PARTITA                                                                                                          Al termine del pranzo che ha preceduto la partita contro l’Atletico, i giocatori del Lanusei Calcio sono stati derubati. La compagine sarda si trovava al ristorante “Rubagalline” di Maccarese e all’uscita dal locale, per raggiungere lo stadio di Fregene, dirigenti e calciatori del club hanno purtroppo verificato che all’interno del bus c’era stata un’incursione dei ladri che hanno asportato cinque zainetti contenenti effetti personali dei giocatori. Alla notizia dell’accaduto la società tirrenica ha espresso la sua solidarietà nei confronti del vile atto. «Siamo profondamente dispiaciuti per la brutta esperienza vissuta dai nostri avversari – commenta il ds dell’SFF Atletico, Claudio Carelli -. Siamo a disposizione con la speranza questo episodio non abbia provocato disagi alla squadra».
 
 
 

Ultimo aggiornamento: 09:38


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Portami al concerto trap». E la mamma prova a saltare

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma