Juventus-Zenit 4-2: doppio Dybala, Chiesa e Morata, bianconeri agli ottavi

Diretta Juventus-Zenit ore 21.00: dove vederla in tv, streaming e probabili formazioni
di Alberto Mauro
7 Minuti di Lettura
Martedì 2 Novembre 2021, 12:16 - Ultimo aggiornamento: 23:16

In Europa è un’altra Juve, più solida, affamata e soprattutto vincente. Trascinata dall’uomo che le è mancata di più negli ultimi mesi, Paulo Dybala; doppietta, fascia di capitano e esultanza dedicata a Platini: ecco da dove e soprattutto da chi ripartire. I russi non fanno nemmeno troppa paura, in fin dei conti basta un pareggio per staccare il pass per gli ottavi, ma la reazione dei bianconeri (dopo le due sconfitte consecutive) va ben oltre, con la quarta vittoria su altrettante partite giocate nel girone e un 4-2 senza storia.

È la conferma che le gambe contano fino a un certo punto, ma poi è la testa che fa la differenza, e quella della Juve in Champions è decisamente più leggera. Il ritiro a qualcosa è servito, lo psicologo forse anche, perché l’atteggiamento in avvio è quello giusto: i giocatori ringhiano sul pallone, giocano semplice e sbagliano poco. E in pochi minuti si insediano in area avversaria: Bernardeschi spara a botta sicura su Kritsyuk, poi Dybala colpisce il palo da fuori, non sbaglia al minuto 11, con una botta al volo di sinistro, 105° rete in bianconero e sorpasso su Platini, a cui dedica l’esultanza sdraiato sul prato. Il vantaggio placa la fame bianconera, l’unico a mordere ancora è Dybala che semina avversari come birilli in area e appoggia per Morata, alto.

Lo Zenit si difende come può, prova a mettere fuori il naso con Mostovoy, e riesce a pareggiare senza nemmeno calciare in porta: cross nemmeno pericoloso di Kuzyaev, colpo di testa sbilanci di Bonucci che finisce all’incrocio della porta di Szczesny per l’1-1. Uno shock per la Juve che prova a riannodare i fili e sfiora il nuovo vantaggio con un colpo di testa prepotente di McKennie. Nella ripresa Chiesa cambia fascia e la Juve riparte a dirmi alti, ci provano Dybala e Morata ma è Chiesa a prendersi la scena, con uno stop a seguire di velluto che induce Claudinho al fallo da rigore. Nessun dubbio: Dybala però calcia fuori la prima volta, e per sua fortuna l’arbitro Hernandez fa ripetere (alcuni giocatori dello Zenit erano entrati in area prima del calcio) e la seconda volta la Joya non sbaglia. Ci pensano prima Chiesa poi Morata a sigillare il 4-2 finale (a segno Azmoun nel recupero), con una giocata delle sue. La Juve vola a punteggio pieno nel girone H, ora servirebbe anche un po’ di musichetta della Champions anche sabato, prima di Juve-Fiorentina.

Juventus-Zenit, la cronaca della partita

SECONDO TEMPO

93' GOL ZENIT: Juve con la testa nello spogliatoio, e lo Zenit trova la rete del 4-2 con Azmoun: dimenticato sul secondo palo, l'attaccante appoggia di teste alle spalle di Szczesny. 

82' GOL JUVENTUS: C'è gloria anche per Morata. Servito in profondità da Dybala, lo spagnolo tocca col sinistro e mette il lucchetto alla partita.

77' Ancora Chiesa, stavolta dall'altro lato del campo e col destro. Kritsyuk ci arriva, col corpo. 

74' GOL JUVENTUS: La chiude Chiesa. Con una rete straordinaria. Ripartenza bianconera, con l'esterno che prende palla poco dopo la metà campo, ha spazio davanti, se lo prende, arriva dentro l'area, punta il diretto avversario, libera il mancino in diagonale che non lascia scampo a Kritsyuk. Partita chiusa da una Juve stasera davvero bella. 

73' Azione solitaria di McKennie, che trova il buco centrale e lo attacca con personalità: destro da dentro l'area, e pallone che si stampa sulla traversa. 

70' Sinistro improvviso di Malcom. Szczesny è reattivo e ci arriva. Buona parata del portiere polacco. 

68' Entrata in ritardo di Locatelli, e secondo cartellino giallo della partita. 

66' Pescato in profondità, Chiesa s'intestardisce un po' ma poi riesce comunque a concludere. Sinistro alto. 

61' Dybala da 9 in pagella. Non solo per la doppietta, ma anche per quello che sta facendo vedere fin qui. Vicino alla tripletta l'argentino, con il solito sinistro malefico. 

58' GOL JUVENTUS: Non cambia angolo Dybala, che stavolta centra lo specchio della porta. Sinistro potente, a incrociare, che non lascia scampo a Kritsyuk. Avanti la squadra di Allegri. 

57' Dybala sbaglia dal dischetto. Ma il tiro è da ripetere, perché i calciatori dello Zenit sono entrati prima all'interno dell'area di rigore. 

55' Rigore per la Juve: pallone di Locatelli per Chiesa che taglia l'area di rigore dopo un sontuoso controllo e viene atterrato. Fallo solare e adesso la Juve va dagli 11 metri. 

53' E' assedio bianconero. Con Dybala ancora una volta protagonista. Mancino al volo dal limite, e il portiere dello Zenit in maniera tutt'altro che bellissima, riesce a intervenire. 

50' Palla in mezzo messa da Bernardeschi, colpo di tacco di Morata in anticipo sul primo palo. Pallone alto. 

48' Uno scatenato Dybala va di nuovo vicino alla rete del vantaggio. Solita giocata dell'argentino, che da destra converge verso il campo e prova il mancino. Pallone che di nulla. 

46' Iniziata la ripresa all'Allianz. 

 

PRIMO TEMPO

Apre Dybala, col mancino da dentro l'area. La Juve va vicina al doppio vantaggio con Morata, ma poi cade per il colpo di testa di Bonucci, che batte imparabilmente Szczesny. Pareggio che sta stretto alla squadra di Allegri, che ha diverse volte creato i presupposti per ripassare. 

45' Finisce il primo tempo.

43' Sinistro di Bernardeschi, centrale. 

41' Vicino al nuovo vantaggio la Juve, questa volta con l'inserimento di McKennie, che di testa impegna severamente Kritsyuk, che respinge con difficoltà. 

37' Annullato a Morata per fuorigioco il gol del 2-1. Azione di Danilo a destra, che trova l'uno-due con Locatelli. Poi un rimpallo premia lo spagnolo che aveva segnato. Ma c'è la posizione di offiside. 

34' Wendell col destro dal limite. Pallone altissimo. 

30' Locatelli mette in mezzo per l'inserimento di Chiesa dall'altro lato del campo. Colpo di testa dell'esterno, smorzato da Karavaev ch agevola la parata di Kritsyuk.

26' GOL ZENIT: All'improvviso, e senza nessun segnale, pareggia lo Zenit. E lo fa forse nell'unico modo possibile, con un'autorete. Cross dalla sinistra senza nessuna velleità, Bonucci interviene di testa e la mette sotto l'incrocio, sul secondo palo, con Szczesny che non ci può fare nulla. 

25' Accelerata di Chiesa, che prende quasi 10 metri a Rakitskiy che all'ultimo istante riesce in scivolata ad anticipare l'esterno bianconero. Che si stava per involare verso la porta russa. 

23' Momento di pausa per la Juve, che si è messa dietro ad aspettare lo Zenit, che cerca in qualche modo uno spazio per avvicinarsi a Szczesny. 

18' Giocata incredibile di Dybala, che si beve mezza difesa dello Zenit a destra, entra in area a appoggia per Morata che dovrebbe solamente appoggiare in porta. Ma la conclusione dello spagnolo è alta. Enorme occasione. 

11' GOL JUVENTUS: Dybala, e chi se non lui. Calcio d'angolo per i bianconeri, un rimpallo premia la Joya che è posizionato nel cuore dell'area. Sinistro di prima intenzione che prima batte a terra e poi si spegne alle spalle di Kritsyuk. Bianconeri meritatamente avanti. 

9' Accelera la Juve, che va vicinissima al gol: Dybala dal limite, si libera, e calcia col destro. Palla che colpisce il legno alla destra di Kritsyuk che non ci sarebbe mai potuto arrivare. 

8' Prima occasione per la Juve, con Dybala che prima mette in mezzo, la respinta della difesa arriva sui piedi di Bernardeschi che ci prova da dentro l'area con il mancino: respinge con il corpo Kritsyuk.

3' Ci prova Lovren, di testa, tutto solo. Pallone che si perde a lato.

3' Si fa vedere davanti la squadra russa, che guadagna il primo calcio d'angolo della partita. 

1' Iniziata la gara a Torino

Juventus-Zenit, le formazioni ufficiali

JUVENTUS (4-4-2): 1 Szczesny, 6 Danilo, 19 Bonucci, 4 de Ligt, 12 Alex Sandro; 22 Chiesa, 14 McKennie, 27 Locatelli, 20 Bernardeschi; 10 Dybala, 9 Morata. All. Allegri.

ZENIT (4-4-2):1 Kritsyuk; 15 Karavaev, 2 Chistyakov, 6 Lovren, 44 Rakitskiy; 19 Soutormin, 5 Barrios, 8 Wendel, 17 Mostovoj; 7 Azmoun, 11 Claudinho. All. Semak.

© RIPRODUZIONE RISERVATA