JUVENTUS

Pirlo, tifosi della Juve già preoccupati dalla sua gestione: non convince e non decolla

Domenica 18 Ottobre 2020 di Alberto Mauro
2
Pirlo, tifosi della Juve già preoccupati dalla sua gestione: non convince e non decolla

TORINO Un punto a Crotone, il Milan già in fuga e martedì l’esordio in Champions contro la Dinamo a Kiev, ancora senza Cristiano Ronaldo. Pirlo è alle prese con il primo momento complicato della sua carriera da allenatore, prima o poi sarebbe dovuto arrivare, ma alla Juventus probabilmente è arrivato prima del previsto. E’ chiaro che la squadra sia stata rivoluzionata e occorre tempo per ritrovare automatismi e armonia, ma con troppe sperimentazioni e poche certezze il rischio è quello di confondersi. Come a Crotone, secondo pareggio in tre partite giocate; senza lo 0-3 a tavolino contro il Napoli la classifica sarebbe decisamente più preoccupante. E mentre qualche dubbio assale anche tifosi juventini, convinti però che la nuova squadra di Pirlo abbia solo bisogno di tempo, sul web si scatenano critiche - anche feroci - a Pirlo e alla sua gestione. Contro il Crotone, oltre a Frabotta, l’allenatore juventino ha scelto a sorpresa anche il baby Portanova, è giusto puntare sui giovani viste le assenze pesanti, ma serve anche equilibrio nel costruire la formazione adatta all’avversario.

Juve, Pirlo chiede pazienza: «Siamo giovani, ma cresceremo»

Contagi e veleni, Spadafora boccia la fuga di Ronaldo: maxi multa o squalifica per il portoghese

Juve, Ronaldo torna in Italia. Farà la quarantena a Torino

Non ha convinto la posizione di Kulusevski così come l’ingresso tardivo di Cuadrado, a centrocampo Arthur e Bentancur devono ancora trovare il feeling, spesso la squadra sembrava spezzata in due: attacco e difesa. Ieri la catena di sinistra è naufragata, con Danilo in costante affanno (mette lo zampino sul rigore concesso da Fourneau per fallo di Bonucci su Reca e non solo) e Chiesa bravo solo dalla metà campo in su: una delle rare volte in cui prova a ripiegare in copertura rimedia il rosso diretto per un’entrata dura su Cigarini. La Juve di Pirlo non è tutta qui: mancava mezza squadra, Ronaldo, McKennie, Ramsey e de Ligt, mentre Dybala era in panchina ma non ha fatto nemmeno un minuto.

Juve, Pirlo: «Chiesa? Ne stiamo parlando. Uno scherzo a Gattuso? Batterlo»

Un caso che Pirlo ha disinnescato giustificando il suo mancato ingresso in campo a causa dell’uomo in meno (è entrato invece Bernardeschi, impalpabile) ma che potrebbe avere conseguenze. Nel tunnel degli spogliatoi dello Scida, infatti, la Joya avrebbe esternato tutto il suo malcontento a Paratici, mentre in tarda serata si sarebbe sfogato sui social, con like (poi cancellati) a tweet in suo sostegno, contro la scelta di Pirlo di escluderlo. 

Video

 

Ultimo aggiornamento: 15:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA