Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Depay tra tatuaggi, rap e tanti gol: alla scoperta dell'olandese del Barcellona nel mirino della Juventus

Depay tra tatuaggi, rap e tanti gol: alla scoperta dell'olandese del Barcellona nel mirino della Juventus
di Alberto Mauro
3 Minuti di Lettura
Giovedì 11 Agosto 2022, 13:18

La Juve non si ferma a Kostic - sbarcato in mattinata a Caselle prima delle visite mediche - e ora punta forte Depay. Un nome che ritorna dalle parti della Continassa: il feeling con l’olandese è noto da tempo e non è mai stato vicino come oggi. Con il “no” dell’Atletico Madrid per Morata è diventato il primo nome per rinforzare l’attacco, ora la dirigenza proverà ad accelerare approfittando della situazione critica del Barcellona, che deve alleggerire il monte ingaggi con diverse uscite. La Juve spinge per prenderlo a zero, secondo El Mundo Deportivo la rescissione è vicina mentre in Spagna rimarrebbe Aubameyang (nel mirino del Chelsea), accordo già raggiunto tra il giocatore e i bianconeri per un biennale (sfruttando il decreto crescita) a 5 milioni più bonus a stagione.

Milan, Ziyech non si molla ma Onyedika in pole. Inter, Pinamonti va al Sassuolo ma resta la paura per l'addio di Skriniar

Depay è un attaccante che Allegri può sfruttare nel 4-3-3, seconda punta nel 4-4-2 o a sostegno del centravanti nel 4-2-3-1, è al secondo posto (42 reti) tra i marcatori di sempre con la maglia dell’Olanda dietro a van Persie e i tifosi bianconeri ricordano ancora il rigore che costò l’eliminazione agli ottavi di Champions nel 2020 contro il Lione. Bene al PSV e al Lione, allo United invece faticò ad esprimersi ai suoi abituali livelli. Con la maglia del Barcellona ha chiuso la stagione da capocannoniere (con gli stessi gol di Aubameyang) ma ora non rientra nel progetto di Xavi. Sulla maglia porta il nome di battesimo Memphis, dopo aver ripudiato il cognome del padre colpevole di averlo abbandonato da bambino, la sua è stata un’infanzia travagliata e il tatuaggio di un leone che gli copre per intero la schiena è un simbolo della sua rivincita. Grande amante degli animali, possiede due cani e qualche anno fa aveva sollevato un polverone tra gli animalisti una sua foto social in casa, con un cucciolo di leone. Tra i suoi hobby le auto di lusso e il rap: autore e cantante di discreto successo, con il pezzo “No Love” ha scalato le classifiche in Olanda e Inghilterra.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA