Juventus, Sarri: «Allenare Ronaldo è motivo di orgoglio. Con il Lokomotiv sarà dura»

Lunedì 21 Ottobre 2019
«Allenare Ronaldo è motivo d'orgoglio. Ha una mentalità straordinaria, oltre alle caratteristiche fisiche e tecniche». Maurizio Sarri si gode la nuova avventura in bianconero che gli ha permesso di allenare un campione assoluto come CR7, uno dei migliori della storia del calcio: «Sa porre obiettivi a tutta la squadra e individuali in continuazione - ha proseguito -. Credo che appena ha segnato il 700ø gol stesse già pensando a quota 800. Bello averlo attorno perché è positivo. Mentalmente ha qualcosa più di tutti».

La Lokomotiv «non ha un grandissimo nome, ma è una buona squadra, che sa fare grande densità difensiva ed è abile nel ribaltare le azioni. Per cui domani sarà dura, difficile». Così Maurizio Sarri, alla vigilia della partita di Champions contro la capolista del campionato russo. Sarri è pienamente fiducioso: «In percentuale stiamo concretizzando poco rispetto al gioco creato, - osserva il tecnico bianconero - ma la cosa mi sembra poco preoccupante: con i giocatori di qualità che abbiamo, miglioreremo il rapporto tra le occasioni costruite e i gol segnati».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani