Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Juventus, Bremer punta in alto: «Ho la stessa mentalità di Allegri, vogliamo vincere. Ringrazio il Toro e Juric»

Juventus, Bremer punta in alto: «Ho la stessa mentalità di Allegri, vogliamo vincere. Ringrazio il Toro e Juric»
di Alberto Mauro
3 Minuti di Lettura
Giovedì 11 Agosto 2022, 19:14 - Ultimo aggiornamento: 12 Agosto, 16:51

L’eredità è pesante, ma Gleison Bremer non ha avuto il minimo dubbio nel scegliere la Juventus e la maglia numero 3 dell’ex capitano Giorgio Chiellini. «La Juventus è stata la squadra che mi ha colpito e ha vinto di più: era giusto venire qui, volevo fare un salto di qualità da un paio d’anni. Ho parlato un po’ con Allegri, abbiamo la stessa mentalità, è ambizioso. Ho parlato molto anche con Chiellini, è uno dei miei idoli. Gli ho chiesto se potevo prendere la sua maglia numero 3 e mi ha che non c’era alcun problema».

Juventus-Tottenham, sfida per Depay. Napoli, arriva Simeone. Inter, Akanji nel mirino

Il suo passaggio dal Toro alla Juve ha scatenato un polverone sulla sponda granata del Po, Bremer ci tiene a fare chiarezza. «Vorrei ringraziare il Torino, in cui ho trascorso 4 anni molto belli. Ringrazio i miei ex compagni, è stato molto bello, ma mi hanno fatto arrivare dove sono. Faccio questa domanda ai tifosi del Toro che non l’hanno presa bene: se i loro figli avessero voluto puntare a qualcosa di diverso cosa avrebbero risposto? Sono alla Juve e voglio vincere, non c’è niente di male: La Juve è una squadra che lotta sempre per vincere».

 

Nessun problema a giostrarsi tra difesa a 3 o a 4: «Se un giocatore è forte deve adattarsi anche ad una difesa 4. Chiellini mi ha detto che non devo farmi condizionare da questo. Sto lavorando sempre, e sto guardando dei video per adattarmi il più in fretta possibile. Ora sono tra i top in Italia e so che devo dimostrare ancora tanto in Europa. La Champions è il sogno di ogni giocatore, ringrazio Mazzarri e Juric che mi ha fatto fare il salto di qualità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA