Italia, Tavecchio: «Il post Mondiale è stato drammatico»

Sabato 17 Novembre 2018
A un anno dallo 0-0 con la Svezia che ha estromesso l'Italia dal Mondiale per la prima volta dopo 60 anni, torna a San Siro l'allora n.1 della Figc, Carlo Tavecchio. «Torno qui sereno, per incoraggiare l'Italia - ha detto prima della partita con il Portogallo -. Il mio apporto non mancherà mai. Ho la Nazionale nel cuore, mi sono dimesso per amore della Nazionale. Non si è dimesso nessuno, qualcuno doveva prendersi la responsabilità. Abbiamo avuto un post Mondiale drammatico. Il commissariamento? Non servono considerazioni, basta vedere i fatti».

«Mi dispiace molto, non pensavo finisse così»: con queste parole l'ex presidente della Federcalcio, Carlo Tavecchio, ha commentato le dimissioni con cui l'ex ct Gian Piero Ventura ha lasciato il Chievo dopo poche partite. «La sorpresa è che le abbia date quando nessuno gliele chiedeva», ha notato sorridendo Tavecchio che a San Siro, un anno dopo la disfatta azzurra costata il Mondiale, prima di Italia-Portogallo, ha partecipato alla consegna del Premio Giulio Campanati a Nestor Pitana, l'argentino arbitro della finale di Russia 2018.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La realtà virtuale dei grillini e i problemi (reali) della città

di Simone Canettieri