Italia-Inghilterra, i fan inglesi sfondano le barriere di Wembley: i video degli scontri sui social, 45 arresti

Italia-Inghilterra, i fan sfondano le barriere di Wembley per entrare senza biglietto: scontri tra tifosi e servizio d'ordine, 45 arresti
3 Minuti di Lettura
Lunedì 12 Luglio 2021, 01:44 - Ultimo aggiornamento: 18:32

L'assalto dei tifosi inglesi. Sono almeno 45 le persone arrestate durante la giornata a Londra da Scotland Yard a margine della finale degli Europei di calcio fra Italia e Inghilterra disputata allo stadio di Wembley. Lo ha reso noto la stessa Metropolitan Police, precisando che un rinforzo di agenti resta in servizio nella notte per sorvegliare il deflusso e «garantire la sicurezza» nei dintorni dello stadio come nel resto della città.

L'Italia è campione d'Europa, battuta l'Inghilterra 4-3. Donnarumma para il rigore finale, decisivo l'errore di Saka

I fan inglesi sfondano gli ingressi di Wembley

I fermi a cui si fa riferimento sono avvenuti in parte nelle ore precedenti il big match, in particolare nei confronti di tifosi inglesi esagitati e in genere alticci. Ma anche durante il tentativo di sfondamento degli ingressi allo stadio che ha portato alcune persone senza biglietto a riuscire a fare irruzione nell'impianto tra scene di tensione, accenni di violenza e qualche evidente buco nel sistema di protezione.

L'Italia è in festa per la Nazionale, caroselli in strada: le vie si colorano d'azzurro. A Napoli suonano le sirene delle navi

Si segnalano inoltre testimonianze di qualche singolo italiano (o simbolo tricolore) preso di mira in tafferugli, anche se al momento non si ha notizia di episodi gravi. Dopo la sconfitta l'atmosfera appare del resto mutata, con gran parte dei fan isolani ammutoliti e incamminati verso casa in preda alla delusione, pur non senza riconoscimenti sparsi nelle interviste per strada ai meriti degli Azzurri. Interventi delle forze dell'ordine si registrano infine tra pub e locali - a Londra come in numerose altre città dell'Inghilterra - per sgomberare assembramenti fattisi fin troppo numerosi rispetto alle precauzioni sulla carta tuttora in vigore a causa dell'emergenza Covid e in particolare del recente rimbalzo di contagi innescato dalla variante Delta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA