Euro 2020, gli scozzesi fanno festa per la vittoria dell'Italia: il tricolore sventola a Glasgow

Gli scozzesi fanno festa per la vittoria dell'Italia, il tricolore sventola a Glasgow
di Riccardo De Palo
3 Minuti di Lettura
Lunedì 12 Luglio 2021, 10:21 - Ultimo aggiornamento: 11:30

Il nemico del mio nemico è mio amico, recita un antico adagio. Ed è così naturale che gli scozzesi, soprattutto quelli con un cuore indipendentista e ancora ferito dalla eliminazione agli europei, facciano festa assieme agli italiani per la storica vittoria a Wembley. “Almeno ci sono dei britannici felici”, chiosa il Daily Mail, portavoce di una Inghilterra inconsolabile per a partita Italia-Inghilterra finita 4-3 ai rigori.

Ma le immagini che arrivano da Edimburgo, da Glasgow, e dai più remoti recessi delle Highlands sono inequivocabili. Si vedono tifosi con la maglia azzurra, sopra quella della nazionale scozzese, pub decorati a festa con la bandiera italiana.

 

E ci sono giornali come The National, che già aveva pubblicato una copertina con Mancini in chiave Bravehart, che con entusiasmo titola “It’s coming Rome”, sperticandosi in elogi nei confronti di Mancini “The Bruce”, che indirettamente ha salvato l’onore scozzese.

Nei maxischermi all’aperto a Glasgow, si vedevano solo tifosi con il tricolore e con la maglietta azzurra. E ci sono utenti di Twitter che hanno pubblicato immagini dell’Italia con, aggiunte a mo’ di omaggio, le città di Edimburgo, Glasgow, Abordeen.

Italia campione, effetto Draghi: calcio, tennis e musica così il nostro Paese è tornato protagonista

Finale Europei, Saka sbaglia il rigore decisivo e i tifosi inglesi lo insultano sui social: «Torna in Nigeria». Johnson: «Vergognatevi»

E c'è chi brinda con un whisky invecchiato e torbato, chiamato guardacaso "Jack and Victor" scrivendo (con refuso) "grazia" Italia. Quasi un gemellaggio sportivo, e anche qualcosa di più. Un riscatto dell’orgoglio ferito, e onore a una grande impresa: battere gli inglesi sul loro terreno, a Wembley, dopo che i tifosi avevano fischiato l’inno di Mameli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA