Iran, arrestato il simbolo del calcio di Teheran: Ali Daei accusato di sostenere le proteste per Masha Amini

Capocannoniere all time di tutte le nazionali (prima che Ronaldo lo superasse) è stato anche Ct della Nazionale

Iran, arrestato il simbolo del calcio di Teheran: Ali Daei accusato di sostenere le proteste per Masha Amini
2 Minuti di Lettura
Sabato 29 Ottobre 2022, 00:50 - Ultimo aggiornamento: 00:55

Arrestato per essersi schierato apertamente al fianco delle proteste legate alla morte di Masha Amini. Il regime iraniano non risparmia neanche le icone dello sport. In manette è infatti finito Ali Daei ex calciatore e poi commissario tecnico della Nazionale iraniana. Lo riporta il Times.

Santiago cammina da Madrid al Qatar per il Mondiale. Ma è finito in carcere in Iran per aver visitato la tomba di Masha Amini

CHI E' DAEI

Ali Daei è noto principalmente per essere stato il capocannoniere all time di tutte le nazionali prima che Ronaldo lo superasse: con la maglia dell'Iran aveva messo a segno 109 gol in 149 presenze tra il 1993 e il 2006. Dopo il ritiro dal calcio giocato ha allenato la nazionale iraniana tra il 2008 e il 2009.

LE PROTESTE

Daei non è l’unico calciatore o ex calciatore iraniano che si è schierato più o meno apertamente a sostegno delle donne iraniane.  Hossein Mahini, giocatore ancora in attività è stato arrestato all'inizio di ottobre per aver manifestato le proprie simpatie nei confronti dei ribelli. L'ex giocatore del Bayern Monaco Ali Karimi è stato raggiunto da un mandato di cattura a Dubai e secondo quanto riportato teme di essere rapito dal regime e riportato in Iran. Anche l'attuale attaccante del Bayer Leverkusen Sardar Azmoun ha pubblicamente appoggiato sui social network le rivendicazioni delle donne iraniane salvo poi cancellare il post.

© RIPRODUZIONE RISERVATA