Lazio, Milinkovic: «Usciamo dal campo a testa alta. Vicini a quello che vuole Sarri»

Lazio, Milinkovic: «Usciamo dal campo a testa alta. Vicini a quello che vuole Sarri»
di Valerio Marcangeli
3 Minuti di Lettura
Lunedì 10 Gennaio 2022, 00:48

La Lazio esce da San Siro con una sconfitta contro l’Inter, ma si porta dietro sensazioni positive. Questo emerge dalle parole di Milinkovic nel post partita ai canali ufficiali biancocelesti: «Peccato perché secondo me meritavamo almeno un pareggio. Abbiamo avuto le nostre occasioni, volevamo farcela a tutti i costi, ma purtroppo abbiamo perso. Ora cerchiamo di pensare alla prossima partita». Un Sergente comunque soddisfatto per quanto dimostrato dalla squadra in campo e che non cerca alibi dopo i pochi giorni di riposo in seguito alla sfida con Empoli: «Secondo me la partita che abbiamo avuto tre giorni fa ci ha aiutato. Dopo l’Empoli abbiamo fatto due giorni di recupero che ci sono serviti per stasera».

Lazio, Milinkovic: «Ci stiamo avvicinando a ciò che ci chiede Sarri»

Una prestazione quella del Meazza accolta bene da tutti nonostante la sconfitta: «Ne abbiamo già parlato nello spogliatoio. Si vede che le cose stanno andando meglio, non nei risultati, ma negli allenamenti e nelle partite si vede di più quello che ci chiede il mister. Penso che ci stiamo avvicinando a quello che vuole». Resta il rammarico per alcune occasioni sprecate come quella al 53’ che il numero 21 commenta così: «Felipe (Anderson, ndr) mi ha fatto un bel cross, io mi sono posizionato male, per quello non ho colpito bene il pallone. Se lo avesse alzato un pochino di più penso che di testa non avrei sbagliato. Peccato anche per l’occasione all’ultimo sul calcio d’angolo dove ho colpito troppo forte».

Due occasioni per una Lazio che si è vista fin troppo poco in fase offensiva, probabilmente anche per la troppa distanza tra centrocampo e attacco: «Nel secondo tempo gli esterni stavano troppo alti e noi centrocampisti eravamo troppo bassi. Per questo non riuscivamo a raggiungerli velocemente». Meglio però in fase difensiva dove Milinkovic promuove la prima costruzione: «Abbiamo mosso meglio la palla da dietro rispetto alle ultime partite. Se giochiamo come oggi possiamo migliorare creando molte più occasioni. Poi loro – aggiunge il serbo – forse volevano allungarci, ma non ci hanno creato grandi problemi perché la nostra linea era bella alta». Queste le considerazioni del Sergente che conclude complimentandosi con i suoi compagni: «Non sarà una partita ad abbatterci. Penso che tutta la squadra può uscire dal campo a testa alta perché abbiamo fatto una buona gara creando anche con occasioni importanti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA