Inter, Conte è deluso: «Non riusciamo più a vincere. I giornalisti? Non mi scuso»

Lunedì 16 Dicembre 2019
L'amarezza di Antonio conte, alla terza partita senza vittoria. «E’ la terza gara nella quale abbiamo raccolto meno di quanto meritassimo, mi riferisco alla Roma, Barcellona e ora a Firenze. Sostituire Brozovic squalificato alla prossima? Vedremo… Forse con Borja se sta bene fisicamente… Sappiamo che dobbiamo stringere i denti, onore ai miei giocatori».

«È tutto in mano ad un avvocato... È una scelta stata dell'Inter. Serve essere rispettati per rispettare. Quando si deve dare un esempio non si può fare questo sì o questo no... Un'intera categoria deve capire che non deve mancare di rispetto». Così l'allenatore dell'Inter, Antonio Conte, a Sky Sport, in merito alla decisione di annullare ieri la conferenza stampa per protesta per una lettera pubblicata dal Corriere dello Sport. «È stato sorprendente vedere che Ordine dei giornalisti e Ussi hanno chiesto le mie scuse, si devono vergognare».
«Chiedono le mie scuse, ma stiamo scherzando? - ha proseguito l'allenatore nerazzurro -. Io non gestisco nessuno, ma un giorno pubblichiamo un titolo sul razzismo e ci facciamo ridere da tutto il mondo e un altro giorno pubblichiamo una lettera in anticipo della conferenza di Mihajlovic. Eh, no, a tutto bisogna porre un freno, mi dispiace. Chi ha la penna, non è che deve avere tutto questo potere, deve »ammazzare«, comunque, le persone o provare a mancare di rispetto a quello o a quell'altro. Ripeto, troppo facile così, alla fine vincete sempre voi giornalisti». «Siamo andati a vedere di chi è questa mail, perché potrebbe essere che è una fantomatica mail. Quindi, vediamo un attimo che cosa accade adesso.». «Sulla lettera, su questa fantomatica mail - ha concluso Conte -, stiamo vedendo. Se è vera o no, vedremo quel che accade»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Iscrizione a scuola, la regola aurea per decidere senza discutere

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma