Montenegro, insulti razzisti contro i giocatori inglesi. L'Uefa indaga

Martedì 26 Marzo 2019
Insulti razzisti, Sterling segna ed esulta con le mani sulle orecchie

Ancora un episodio di razzismo nel calcio europeo, questa a volta a Podgorica dove ieri sera si sono affrontate nel match di qualificazione a Euro 2020 il Montenegro e l'Inghilterra. Per ampi tratti della gara, i giocatori di colore britannici sono stato bersagliati con ululati, insulti razzisti, versi della scimmia. Al punto che Sterling, dopo aver segnato uno dei cinque gol inglesi, ha esultato portandosi polemicamente le mani alle orecchie. E oggi il caso è esploso anche sulle pagine dei tabloid e sui tavoli della politica, sportiva e non. Al termine dell'incontro è stato il ct Gareth Southgate a chiedere l'intervento della Uefa: «Ho sentito tantissimi insulti all'indirizzo di Danny Rose, è stato subissato fino alla fine. Tutto questo non è accettabile, ci aspettiamo provvedimenti ufficiali». Anche il debuttante Callum Hudson-Odoi e Raheem Sterling hanno stigmatizzato il trattamento ricevuto in Montenegro. «Ogni volta che toccavo pallone, mi facevano il verso della scimmia - il racconto di Hudson-Odoi -. In quei momenti devi essere forte, Sterling mi si è avvicinato, incitandomi ad andare avanti senza lasciarmi condizionare». Lo stesso Sterling, che, come detto, dopo aver firmato il quinto gol, ha portato le mani alle orecchie, ha stigmatizzato su Twitter. «È il miglior modo per mettere a tacere gli hater. Sì, mi riferisco ai razzisti», il commento dell'attaccante del Manchester City.
 


In mattinata la Uefa ha aperto un fascicolo sulla notte di Podgorica, cominciando a raccogliere registrazioni e testimonianze. Un rappresentante dell'osservatorio anti-discriminazione, che opera per conto della Uefa, era presente in Montenegro e sta compilando un rapporto di denuncia. In passato, per episodi simili, la nazione ospitante ha subito sanzioni che prevedevano la chiusura parziale, o totale, dell'impianto nelle gare successive.

 

Ultimo aggiornamento: 14:12


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il marito della sindaca e la tv: «L’unico Matteo è nostro figlio»

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma