Immobile domani esami per sperare, Lazzari in gruppo, Marusic è out

Immobile domani esami per sperare, Lazzari in gruppo, Marusic è out
di Daniele Magliocchetti
3 Minuti di Lettura
Martedì 16 Novembre 2021, 20:04 - Ultimo aggiornamento: 20:06

Sarri spinge, la Lazio si muove. C'è la Juve davanti, non una squadra qualsiasi, e per il tecnico quello che sembra impossibile deve diventare possibile. Un leitmotiv che a Formello sentono sin dal primo giorno di ritiro, ma con i bianconeri all'orizzonte, tutto è accentuato ancora di più. E così se Ciro Immobile era dato praticamente fuori o quasi dagli stessi medici biancocelesti, adesso si spinge per provare a forzare un po' la situazione. Stesso discorso, forse senza ugualmente forzare perché dietro c'è un lavoro di settimane, su Lazzari, altro giocatore in dubbio per via di un problema simile al bomber nella zona del polpaccio.

ESAMI PER SPERARE. Domani mattina o verso l'ora di pranzo (ancora si deve definire) Immobile si sottoporrà ad altri esami strumentali per verificare se realmente l'edema si è riassorbito un po' come sostiene il giocatore oppure no. Se andrà bene, l'attaccante potrà spingere un po' di più nei prossimi due giorni e vedere cosa succede. Il rischio è alto, ma la responsabilità se la vuole prendere il tecnico che prima di rinunciare a Immobile ci pensa tante volte. Per Lazzari, invece, gli esami sono andati già bene, tanto che domani dovrebbe rientrare in gruppo e vedere un po' l'effetto che fa. Anche qui, l'allenatore spinge un po', anche perché dal Montenegro su Marusic le notizie sul secondo tampone sono confuse. L'esterno con la Juve non ci sarà, la Lazio invece sta tentando di avere certezze per farlo rientrare prima, avendo esami negativi.

Lazio-Juventus, Immobile: «Domenica in campo? Speriamo...»

L'ultima novità di Sarri: Radu provato da terzino

Nella giornata odierna, poi, c'è stata un'alra novità. Dopo diversi allenamenti, per la prima volta Stefan Radu è stato testato come terzino sinistro. Una novità nelle sedute di lavoro a Formello, visto che il romeno era stato sempre provato come quarto centrale. Uno spostamento questo del recordman di presenze della Lazio che potrebbe rappresentare un piccolo ma significativo indizio in vista della sfida con la Juve. Una partita a cui Sarri tiene più di quanto si possa pensare.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA