Immigrazione, il Bayern Monaco apre un campo per ragazzi profughi

Giovedì 3 Settembre 2015 di Redazione Sport
2
Il Bayern Monaco ha annunciato l'apertura di un campo di allenamento per bambini e ragazzi profughi giunti negli ultimi giorni in Baviera, al termine della drammatica odissea lungo la 'rotta balcanicà. Come riferisce a Belgrado la Tanjug, la squadra campione di Germania metterà a disposizione al tempo stesso un milione di euro per l'emergenza migranti. I bambini e i giovani che si alleneranno al campo del Bayern riceveranno lezioni gratuite di tedesco, pasti quotidiani e tutto l'equipaggiamento necessario a giocare a calcio. Nella prossima giornata di Bundesliga, nella quale incontreranno l'Augsburg il 12 settembre, i giocatori del Bayern entreranno in campo tenendo per mano bambini tedeschi e piccoli profughi. Oltre 2 mila migranti e profughi sono giunti nelle ultime ore a Monaco di Baviera.

Ma quello del Bayern Monaco, anche se il club bavarese è il più generoso in assoluto non è certo l'unico esempio di società calcistiche che, in Germania, si stanno mobilitando per l'accoglienza ai migranti e per favorire l'integrazione. La stessa nazionale campione del mondo ha girato un video, con Jerome Boateng, Ilkay Gundogan, Bastian Schweinsteiger, Mesut Ozil e Tony Kroos, per promuovere il rispetto e la tolleranza. Il Magonza invece ha invitato 200 migranti alla sua partita di sabato scorso, e ne porterà sugli spalti altri 400 in occasione del suo prossimo match in casa, il 18 settembre. Cinquecento i tagliandi distribuiti gratuitamente agli immigrati dall'Arminia Bielefeld, squadra del torneo cadetto: sono andati esauriti in nemmeno due ore. C'è poi il Borussia Dortmund, club della Ruhr che lotta da anni contro l'estremismo e le tendenze neonaziste di una piccola parte della sua tifoseria e che, dopo aver promosso la campagna «No Beer for Racists» riserva ai migranti una piccola quota di biglietti, e diffonde sul proprio sito messaggi che confutano la tesi che la Germania non possa più accogliere persone provenienti da paesi in guerra o dove sono in atto persecuzioni religiose o razziali. «La Germania è uno dei maggiori e più ricchi paesi d'Europa - c'è scritto sul sito del Borussia -, e se si fanno le percentuali fra richieste d'asilo ed estensione territoriale, in realtà il nostro paese è al decimo posto in Europa». Ma c'è stato anche chi, come il Babelsberg di Berlino ha fondato una seconda squadra per farvi giocare esclusivamente immigrati: si chiama Welcome United, e da quest'anno partecipa al suo primo campionato ufficiale, nelle serie dilettantistiche tedesche.
Ultimo aggiornamento: 4 Settembre, 12:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA