Fiorentina, Commisso: «Chiesa non mi ha fatto nemmeno una telefonata»

Mercoledì 7 Ottobre 2020
Commisso

Ancora strascichi a Firenze dopo la cessione di Chiesa alla Juve. Lo sfogo di Rocco Commisso è inequivocabile: «Su Federico Chiesa ci siamo rimasti male, la prima cosa che ho fatto l'anno scorso è stata aspettarlo a Chicago, davanti al bus: ancora non l'ho sentito, non ci meritiamo questo». Lo ha detto il presidente della Fiorentina, nella conferenza stampa di presentazione dei rendering del nuovo centro sportivo del club viola a Bagno a Ripoli (Firenze), commentando la cessione di Federico Chiesa alla Juventus. «Mai abbiamo fatto una critica verso Chiesa», ha ripreso. Il patron ha poi aggiunto: «Abbiamo perso Chiesa, ma abbiamo la nuova chiesa al centro sportivo».
«IL CLUB VIOLA NON VINCE LO SCUDETTO DAL '69: DATEMI 3-4 ANNI»
«La Fiorentina non vince lo scudetto dal 1969, a Rocco non volete dare neanche 3-4 anni di tempo. Qui siete bravi a criticare, io invece voglio fare ma ci vuole tempo. Le critiche stanno aumentando: se sono giustificate le accetto, ma quando si fanno i paragoni si deve valutare anche cosa va bene. Viene detto che io non metto i soldi, ma ho perso quasi 80 milioni tra l'anno scorso e adesso» ha chiarito Commisso. Il patron viola ha sottolineato che nel nuovo centro sportivo «ogni giorno lavoreranno e vivranno 400 persone. È il più grande investimento privato fatto nella storia di Bagno a Ripoli, il più costoso centro sportivo realizzato in Italia, un esempio di quello che può fare Rocco, anche quando si parla di stadio. Quanto spendiamo qui a Bagno a Ripoli (circa 80 milioni, ndr) è più della metà di quanto investito per fare lo Juventus Stadium». Proprio sulle spese Commisso ha ribadito che la sua azienda, la Mediacom, «sta andando molto bene, per questo posso investire senza preoccuparmi», ribadendo poi di non essere costretto «a cercare soldi» e precisando di non «volerli buttare».

Ultimo aggiornamento: 15:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA