Il Palermo campione d'inverno vince anche a Cittadella. Poker di Pescara e Cremonese. Pari del Lecce

Domenica 30 Dicembre 2018 di ​Vanni Zagnoli
Il 2018 incorona il Palermo, campione d’inverno, gli bastava un punto per la matematica e anzi passa a Cittadella. Mantiene il possesso palla, concede le migliori occasioni ma regge. E colpisce alla ripresa, grazie alla palla recuperata da Trajkovski, capitano da Serie A.

I rosanero sono sicuramente anche i migliori dell’anno solare, dal momento che arrivarono quarti in stagione regolare, dopo essere stati a lungo primi, proprio come in questa stagione. Da Tedino a Stellone e ritorno, la squadra del presidente Zamparini, che chissà mai quando sarà veramente ex, comunque la Sicilia non è ancora certa di risalire.

A Salerno, Gregucci ne prende 4, dopo essere stato avanti di 2. Era stato qui a inizio carriera, le sue squadre sono sempre state solide, il problema era la produzione offensiva, in granata la qualità tecnica è elevata, è strano che salti proprio la difesa, ma certo incide la forza del Pescara.

Ha speranze di risalire in zona playoff la Cremonese, capace di superare il Perugia, dopo 3 rovesci in sequenza e il rischio di esonero o dimissioni indotte, per Rastelli. Che non ha fatto tanto meglio di Oddo o Foscarini.
A proposito, via Oddo, tornato Stroppa, a Crotone, i pitagorici si fanno rimontare da 0-2 a 3-2 ad Ascoli. I marchigiani si fermano alle traverse di Addae e di Beretta, nel primo tempo; la rovesciano allo scadere, con Simone Ganz, figlio di Maurizio. Il Carpi avanza a Venezia, Zenga pareggerà su rigore, per il tocco di mano in barriera di Jelenic. Bella intensità nel posticipo, con il 30° punto in 15 gare con Corini, passo da serie A, il pari arriva su autogol di Cistana, alla prima stagione cadetta, sulla torre di Asencio. 

Il meglio era stato verso l’una, con le emozioni di Foggia-Verona, con i dauni sempre incerti in difesa e pure spreconi, con il rigore respinto da Silvestri, con i piedi, a Iemmello, intervento alla Garella, alla Felice Pulici, per il portiere della montagna reggiana, già in Inghilterra. 

In serata, Spezia e Lecce si dividono la posta nel posticipo dell'ultimo turno del girone d'andata. Al Picco finisce 1-1, con i pugliesi allenati da Liverani che vanno sotto a inizio gara ma rimediano nella ripresa: vantaggio di Matteo Ricci su calcio di rigore, l'uno a uno lo segna Manuel Scavone nella ripresa

19. giornata di andata.
Ascoli-Crotone 3-2: 9’ Simy, 16’ Firenze; 1’ st Brosco, 43' Beretta, 50' Ganz.
Cittadella-Palermo 0-1: 6’ st Falletti.
Cremonese-Perugia 4-0: 15’ Terranova, 22’ Piccolo, 36’ Castrovilli; 14’ st Castrovilli.
Salernitana-Pescara 2-4: 13’ Pucino (S), 36’ Vitale (S, rig), 37’ Mancuso; st 7’ Scognamiglio, 15’ e 35’ Mancuso.
Venezia-Carpi 1-1: 20’ Suagher, 16’ st Litteri rig.
Benevento-Brescia 1-1: st 28' Torregrossa (Br), 34' Cistana autorete.
Foggia-Verona 2-2: 15’ Pazzini (V), 30’ Mazzeo (F), 44’ Seung-Woo (V), 29’ st Gerbo.
Spezia-Lecce 1-1 Ricci (S), Scavone (L)
Classifica. Palermo 37, Brescia e Pescara 32; Verona e Benevento 30, Lecce 30, Cittadella, Perugia e Spezia 26; Salernitana e Ascoli 24, Cremonese 22, Venezia 21, Cosenza 19; Carpi 17, Livorno 14; Crotone e Foggia 13, Padova 11. Ultimo aggiornamento: 23:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Animali in fila dal veterinario, l'attesa diventa una mostra

di Marco Pasqua