Il nipote di Bettino Craxi va in prova
al Brescia. Il papà Bobo: «Prima gli studi»

Martedì 4 Agosto 2015
«Per mio figlio il calcio è un gioco, anche perchè la priorità per ora è lo studio ma sono comunque contento dell'esperienza che sta facendo con la Primavera del Brescia». Lo ha detto Bobo Craxi parlando del figlio Benedetto, 17enne in prova in questi giorni con le giovanili del Brescia calcio.
«Spero solo che tutta questa attenzione non gli rovini l'esperienza che sta facendo». Per il nipote di Bettino Craxi si tratta della prima esperienza lontano da casa: «si è sempre divertito e negli ultimi anni sotto la guida di Roberto Baronio al Futbolclub ha vinto tanto. Ora vediamo come va...». Per Bobo Craxi il cognome pesante non sarà un ostacolo per il figlio: «Anzi, lo sport è la dimostrazione che se hai le capacità vai avanti, con un nome o un altro» spiega Bobo Craxi che poi aggiunge: «il nonno paterno di Benedetto, Bettino, era un grande appassionato di calcio mentre il nonno materno un campione di basket. Lo sport era evidentemente nel suo dna». Benedetto Craxi arriva a Brescia nel giorno del ripescaggio in Serie B del club lombardo: «È una grande società ed è molto organizzata e poi Brescia è una delle realtà economiche che ancora funziona in Italia». Per Bobo Craxi il calcio resta per ora solo una passione del figlio «prima gli studi poi vedremo. Anche per la politica c'è sicuramente tempo». Ultimo aggiornamento: 20:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani