Il Monza vince anche l'altro derby e sale al secondo posto: a Brescia decide il romano Frattesi

Martedì 26 Gennaio 2021 di Vanni Zagnoli
Frattesi

Il derby lombardo è del Monza, 1-0 a Brescia, di recente si era aggiudicato anche l’altro derby a Cremona e nell’altalena della serie B torna al secondo posto, accanto alla Salernitana, davanti alla Spal, rimontata dalla Cremonese sull’1-1, e al Cittadella. 

Alla fine del girone d’andata mancano solo due recuperi, Chievo-Cittadella è dopodomani alle 19, mentre Pisa-Frosinone si giocherà il 2 di febbraio. L’Empoli è in testa con 4 punti di margine (a Lecce si è fatto recuperare due gol nel finale, 2-2), dal Frosinone in su (i ciociari sono a -7 dal secondo posto) in 9 possono puntare all’altra promozione diretta, insomma la serie B somiglia tanto alla A.

Allo stadio Rigamonti decide il gol di Davide Frattesi, romano di 21 anni, alla 4^ rete con i biancorossi. Cresciuto nella Lazio, è stato per tre stagioni nella Roma e poi è passato al Sassuolo, che l’ha dato in prestito, all’Ascoli, poi all’Empoli, dov’era già protagonista, e adesso alla squadra della famiglia Berlusconi. E’ il sesto risultato utile di fila per il Monza, all’inseguimento di una serie A accarezzata per 4 volte, negli anni ’70, e la terza sconfitta in sequenza per le rondinelle, fra l’altro senza reti, eppure il presidente Cellino aveva allungato il contratto all’allenatore Davide Dionigi.

Il primo tempo si ricorda quasi esclusivamente per lo striscione contro Mario Balotelli, comparso fuori: ”Per noi vali zero, uomo senza dignità”. Di sicuro esagerato, per qualche settimana l’ex centravanti azzurro era stato dignitoso, in campo, nella stagione in A. E’ in tribuna, non ancora recuperato da problemi muscolari, a 50 giorni dall’ingaggio di Galliani è fermo a un’ora e un gol, contro la Salernitana. Di rilievo solo un destro fuori di Dimitri Bisoli, figlio di Pierpaolo, esonerato da poco dalla Cremonese. 

Nella ripresa, al 9’, angolo dalla destra, Frattesi stacca tutto solo sul primo palo e di testa colpisce forte, Joronen non è reattivo, la palla gli sfila sotto le gambe. Il Brescia replica con il destro di Van de Looi dal limite, Di Gregorio si salva anche grazie al palo e poi respinge la conclusione di Karacic. Joronen nega il pari a Gytkjaer. Il finale è nervoso, c’era già stata tensione fra Donnarumma e Barillà dopo l’intervallo.

Classifica: Empoli 38, Salernitana e Monza 34; Cittadella e Spal 33, Lecce 30, Chievo 29, Pordenone e Venezia 28; Frosinone 27, Pisa 23, Vicenza e Brescia 21, Cremonese 19, Reggina e Reggiana 18; Cosenza ed Entella 17; Pescara 16, Ascoli 14.

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA