VENEZIA

Il Frosinone rimonta senza i 14 contagiati. Colpo Salernitana. Entella, Ascoli e Reggina spezzano il digiuno

Domenica 27 Dicembre 2020 di Vanni Zagnoli
Il Frosinone rimonta senza i 14 contagiati. Colpo Salernitana. Entella, Ascoli e Reggina spezzano il digiuno

L’impresa è del Frosinone, capace di recuperare il pari nonostante l’emergenza covid. Vince Sottil, al debutto sulla panchina dell’Ascoli, che era a digiuno da due mesi. Primo successo per l’Entella, fra i principali 5 campionati europei, nelle prime due categorie, restano senza vittorie solo la Schalke 04 in Germania e lo Sheffield United in Premier. In vetta, la Salernitana allunga.

Venezia-Salernitana 1-2

C’è Alberto Bertolini sulla panchina del Venezia, Paolo Zanetti è in tribuna, squalificato. Mezzora a prevalenza arancioneroverde, segnano però i campani al 34’, con Andrè Anderson, servito da Casasola, esterno da 4 stagioni da serie A. Sul raddoppio del brasiliano naturalizzato italiano ci sarebbe il fuorigioco di Tutino, che coglie il palo: neanche per quest’anno ci sarà il Var, solo nella postseason. Al 38’ è già 2-0. Allo scadere segna il Venezia, Di Mariano crossa, Crnigoj con un destro al volo rasoterra insacca, sulla linea Aya tocca dentro. Inutile il forcing veneziano, nel recupero.

Frosinone-Pordenone 1-1

Quattordici i casi di covid per i ciociari, che comunque scelgono di giocare, e in panchina hanno solamente due portieri, Marcianò e Trovato, più il centrocampista Tabanelli, che entrerà nell’ultima mezz’ora, per l’infortunato a Ciano. Attaccano i ramarri, la squadra di Nesta resiste: spenderà il bonus per il rinvio probabilmente in settimana. Si arrende all’8’ st, punizione di Calò dalla trequarti, Diaw di testa spinge Gori senza farsi fischiare il fallo e gira in porta. Il pari arriva a 6’ dalla fine, Perisan respinge corto la conclusione di Boloca, segna Parzyszek in tapin.

Brescia-Empoli 1-3

I toscani venivano da due pareggi, con il Chievo e la Reggiana, infliggono la prima sconfitta a Davide Dionigi, riportandosi a -1 dalla Salernitana capolista. La squadra di Alessio Dionisi domina il primo tempo, le capita spesso, occasioni per Zurkowski e Matos (para Joronen). Il vantaggio è su assist di Bajrami, da tempo da serie A, per Haas, a bersaglio con un diagonale destro potente. Il raddoppio al 41’, sulla traversa ancora dello svizzero Haas, segna La Mantia. Nel recupero Fiamozzi atterra Spalek, Torregrossa segna il rigore. A 10’ dalla fine fallo del portiere Joronen su Moreo, Leonardo Mancuso calcia il rigore sul palo. Si rifà deviando in porta il tiro di Parisi. L’Empoli è più convincente della Salernitana, come gioco, al Rigamonti calcia in porta 10 volte, contro una.
 

Ascoli-Spal 2-0

Al 28’ Sabiri si conferma un tiratore eccellente, è al 4° gol stagionale, di cui 3 su punizione: il tedesco-marocchino calcia alla Juninho Pernambucano, il suo destro sorvola la barriera e scende all’improvviso. Il primo tempo è degli emiliani, come occasioni e possesso palla. Nella ripresa due parate di fila di Leali, a salvare il successo. Raddoppia Sabiri al 29’ st, servito da Bajic, la posizione è regolare. Leali anche nega il 2-1 a Castro, poi devia il cross di Brignola. Annullato per fuorigioco il gol di Paloschi. 

Lecce-Vicenza 2-1

I pugliesi tornano al successo dopo 5 gare. Sulla panchina salentina c’è sempre Salvatore Lanna, Corini non è ancora guarito dal covid. Al quarto d’ora segna per i veneti Marotta, dimenticato da Meccariello e da Adjapong. A metà secondo tempo il pari di Marco Mancosu, con un gesto tecnico splendido, destro, sinistro, destro e palla depositata in rete. Passano un paio di minuti, lo scozzese Henderson crossa dal limite, il rosso Pablo Rodriguez gira in porta, viene dal Real Madrid: ha vinto da titolare la Youth league, a 19 anni, è al debutto in Italia. Al 90’ il fuorigioco di Guerra vanifica il 2-2, il replay conferma la chiamata del collaboratore. “Restiamo in difficoltà, non ne siamo ancora usciti”, spiega Mancosu.

Cosenza-Pisa 1-1

Al 5’ contatto di Bittante su Gucher, il rigore per il Pisa è sbagliato da Vido, traversa e palla che rimbalza al di qua della linea. Per i nerazzurri anche il palo a porta vuota di Palombi, poi Mazzitelli manda alto. Al 43’ arriva il gol calabrese, di Bahlouli, il francese alla 2^ rete stagionale, servito da Corsi. Nella ripresa Falcone alza il pari al pallonetto di Mazzitelli, da fuori, sotto il temporale. Il terzo palo del Pisa è di nuovo di Palombi, con una bella girata mancina. Al 32’ realizza Gucher, di testa, alla 5^ rete in stagione, è la sua migliore. Neanche stavolta i calabresi vincono in casa, mai erano stati in vantaggio.

Entella-Pescara 3-0

Primi punti per Vivarini sulla panchina ligure, dopo 6 sconfitte in campionato e una in coppa Italia. Al 16’ il vantaggio è di Schenetti, destro a uscire su disimpegno sbagliato dal portiere Fiorillo. Al 33’ Giuseppe De Luca dribbla Maistro, il rigore è evidente: Fiorillo si oppone alla battuta rasoterra del piccolo attaccante ligure, che fa centro in tapin. Per Schenetti anche un palo, con deviazione del portiere. Attimi di paura a metà ripresa per Jaroszynski, del Pescara, resta a terra per qualche istante, esanime, dopo un contatto con la testa, uscirà senza l’ausilio della barella. Anche l’incrocio dei pali per la squadra di Chiavari, è di Chiosa, da fuori. Russo si oppone a Maistro, nel finale, evitando il 2-1. Allo scadere la rovesciata di Cardoselli, su cross dalla destra, in splendida coordinazione.

Reggiana-Reggina 0-1

Nella gara delle 12,30, il secondo successo dei calabresi, in 13 gare, è il primo per il nuovo allenatore Marco Baroni, al secondo tentativo. Il portiere della Reggiana Cerofolini salva su Rivas per due volte, poi su Crisetig e su Folorunsho, nella ripresa di nuovo su Crisetig. A 4’ dalla fine la seconda ammonizione per Stavropoulos, della Reggina. Che trova il gol meritato due minuti più tardi, è il primo stagionale del subentrato Bellomo, abile a inserirsi su cross di Rivas e ribattere in rete dopo il palo, è l’unica mezza incertezza del portiere ex primavera della Fiorentina.

Chievo-Cittadella rinviata per il covid, su richiesta del club padovano.

Brescia-Empoli 1-3
I toscani venivano da due pareggi, con il Chievo e la Reggiana, infliggono la prima sconfitta a Davide Dionigi, riportandosi a -1 dalla Salernitana capolista. La squadra di Alessio Dionisi domina il primo tempo, le capita spesso, occasioni per Zurkowski e Matos (para Joronen). Il vantaggio è su assist di Bajrami, da tempo da serie A, per Haas, a bersaglio con un diagonale destro potente. Il raddoppio al 41’, sulla traversa ancora dello svizzero Haas, segna La Mantia. Nel recupero Fiamozzi atterra Spalek, Torregrossa segna il rigore. A 10’ dalla fine fallo del portiere Joronen su Moreo, Leonardo Mancuso calcia il rigore sul palo. Si rifà deviando in porta il tiro di Parisi. L’Empoli è più convincente della Salernitana, come gioco, al Rigamonti calcia in porta 10 volte, contro una.

Cremonese-Monza 0-2

Il derby lombardo è di Galliani, su Braida, suo compagno al Milan per 26 anni, insieme vinsero tutto. Braida è passato di recente dal Barcellona, con cui è in causa (lo fu anche con la Sampdoria) alla corte del patron Arvedi, la Cremonese non ha meno ambizioni dei brianzoli, faticherà però anche soltanto a salvarsi. Al 14’ Gytkjaer si impone su Terranova, offre il quarto assist stagionale a Barillà, che a centro area deve solo finalizzare, di sinistro, la sua prima rete al Monza.
Zortea è il più attivo della Cremonese, proprio lui però origina il raddoppio, a un quarto d’ora dalla fine, temporeggia nel rinvio dal fondo, ne approfitta Maric che a centro area imbecca Frattesi, pronto a infilare. Poteva pure starci il pari, la squadra di Bisoli quando deve fare gioco continua a faticare.
La classifica: Salernitana 31, Empoli 30; Cittadella, Monza e Spal 26, Frosinone 25, Lecce 24, Venezia 23; Chievo 20, Pisa 19, Brescia e Pordenone 18, Vicenza 16, Reggiana e Cremonese 15; Cosenza e Reggina 14; Pescara 12, Ascoli 9, Entella 8.
 

Ultimo aggiornamento: 28 Dicembre, 00:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA