Gilberto: è passato anche dal Latina il brasiliano che ha chiuso l'era del Barcellona

Gilberto: è passato anche dal Latina il brasiliano che ha chiuso l'era del Barcellona
di Giuseppe Mustica
3 Minuti di Lettura
Giovedì 9 Dicembre 2021, 09:44

Gilberto Moraes Junior: anni 28, professione difensore. Segni particolari: gol di destro, sotto l’incrocio, in Benfica-Dinamo Kiev che chiude l’era del Barcellona buttato fuori dalla Champions League ai gironi. È brasiliano l’eroe che ha mandato in paradiso i tifosi lusitani e all’inferno quelli catalani. Con una particolarità: ha giocato in Italia, con le maglie di Fiorentina, Verona, e soprattutto Latina. Sì, con il Latina, in Serie B: nove presenze in un anno. Poche, anche perché la stagione è stata costellata da infortuni. Ma la scintilla mai è scattata, e dopo una sola stagione è tornato in Viola. Parliamo del 31 agosto del 2016, ultimo giorno utile di mercato: un’operazione chiusa dal diesse dei laziali Leonardi che aveva incontrato Pantaleo Corvino, che allora gestiva gli affari della squadra toscana: “L’esterno destro arriva in prestito per dimostrare il suo valore nel campionato di Serie B” scrivevano allora i giornali locali. Valore che però non ha dimostrato o almeno, forse non è stato nemmeno capito più di tanto, visto che ora si ritrova agli ottavi di finale di Champions League e con la squadra di Jorge Jesus ha messo la sua firma, in calce, in una serata storica per il calcio europeo. Non per il Benfica, ovviamente, che è abituato comunque a stare lì, ma perché ha fatto calare in maniera clamorosa il sipario su una delle squadre più forti del secolo. Dando la mazzata finale a Laporta che adesso sa che dopo aver portato Xavi deve rinnovare anche la rosa. La fine di un’era.

La carriera italiana. Non un carriera da ricordare, in Italia, per Gilberto. Arrivato alla Fiorentina, piazza cinque presenze con i Viola per un totale di 280 minuti giocati. A gennaio del 2016 va in prestito al Verona, sempre in Serie A: altre cinque presenze ma scende il minutaggio. Gioca solo 177’. Alla fine della stagione, nell’ultimo giorno di calciomercato, Leonardi e Facci sembrano piazzare il colpo importante, portandolo al Latina: chiude la stagione con 9 presenze, 696 minuti giocati, e la bellezza di cinque cartellini gialli. “Mentalità pazzesca” diremmo adesso.

La svolta. Nel 2020, però, arriva la svolta alla sua carriera: dal Fluminense passa al Benfica a titolo definitivo per 3 milioni di euro. Alti e bassi, fino alla nottata di ieri. Quella che ricorderà per molto tempo. Quella che anche i tifosi del Barcellona ricorderanno per molto tempo. E chissà se lui si ricorderà delle 9 presenze in Serie B al Latina. Una città che lo ha visto poco e che lo ha amato alla stessa misura. Sì, probabilmente ieri qualcosa in testa gli è anche passato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA