Juventus, Buffon si racconta: «In questi due anni ho dato il massimo anche da dietro le quinte»

Juventus, Buffon si racconta: «In questi due anni ho dato il massimo anche da dietro le quinte»
3 Minuti di Lettura
Venerdì 21 Maggio 2021, 19:47 - Ultimo aggiornamento: 19:56

Gigi Buffon saluta la Juve, e questa volta sembra definitivamente. Ma lo storico portiere bianconero ha ancora tanto da raccontare: «Negli ultimi due anni non sono stato un giocatore centrale: non era scontato per uno come me e non era semplice adattarsi, ma penso di averlo fatto con entusiasmo e di aver superato la prova», così il portiere della Juventus Buffon racconta il suo ritorno in bianconero da dodicesimo e non più da titolare.

L'impegno

«Quello che sono sicuro di aver dato alla Juve - ha proseguito il portiere - è stato il massimo della professionalità, della serietà e dell'affidabilità. Penso di essere stato, in toto, una persona, un ragazzo e un professionista serio, e sul quale si può contare sempre», così Buffon ai microfoni di Sky Sport.

Coppa Italia: Atalanta per la storia, Juve per salvare la stagione

«Credo che questi due anni, al di là del fatto che il mio ruolo da giocatore non fosse centrale, non fossero scontati per uno come me e che non fosse così facile riuscirsi ad adattare - aggiunge il portiere, campione del mondo con l'Italia nel 2006 -. Invece penso di averlo fatto con grande entusiasmo. Prima di tutto per rispetto di me stesso, ho 43 anni, mi sento un uomo e un uomo deve comportarsi come tale, non da ragazzino. Poi per tutti quelli che avevano fiducia in me, coi quali avevo stretto un patto d'onore, da uomini, e cioè che avrei ricoperto volentieri questo ruolo. E poi per i miei compagni, per il rapporto bellissimo che ho con tutti», ha concluso.

Buffon, ultimo trofeo ed emozioni forti: è la fine di un ciclo. «Cerco una proposta folle»

© RIPRODUZIONE RISERVATA