Gaucci morto, Morace: «A Perugia ha fatto la storia». Nella sua Viterbese è diventata la prima donna ad allenare una squadra professionistica

Sabato 1 Febbraio 2020
Nella sua Viterbese è diventata la prima donna ad allenare una squadra professionistica

Carolina Morace ha voluto ricordare Luciano Gaucci. Infatti la Morace è stata la prima donna ad allenare una squadra professionistica di calcio maschile nella storia del calcio. Nel luglio 1999 venne nominata tecnico della Viterbese (all'epoca in Serie C1 e presieduta proprio da Luciano Gaucci). Disse nel giorno della presentazione: «La mia Viterbese affronterà la Serie C1 con il modulo di Marcello Lippi, un 4-4-2 modificabile durante la partita. Sì, sono al debutto, ma ho un passato prestigioso, e qualcosa d'importante l'ho fatto, anche se questo non vuol dire che sia la più brava». Dopo una vittoria conquistata alla prima giornata di campionato per 3-1 contro il Marsala e una sconfitta per 5-2 contro il Crotone durante il secondo impegno, però, il 14 settembre 1999 rassegnò le dimissioni.

LEGGI ANCHE --> Morto Luciano Gaucci, aveva 81 anni: portò il Perugia in Coppa Uefa

«Il calcio italiano perde una grande figura un presidente appassionato e competente. Quanto fatto a Perugia, portando la squadra in Serie A e scoprendo tanti giocatori di talento arrivati poi in Nazionale, resterà nella storia». Carolina Morace ricorda così all'agenzia Adnkronos, Luciano Gaucci, storico presidente del Perugia, morto oggi all'età di 81 anni a Santo Domingo. Gaucci, quando era il presidente della Viterbese, nel 1999, chiamò Morace ad allenare, prima donna, una squadra professionistica maschile. «Tra di noi c'è sempre stata stima reciproca. Io sono stata una delle poche che gli ha tenuto testa, quando mi ha chiamato ad allenare la Viterbese non gli ho mai permesso di intromettersi in questioni tecniche e questa dimostrazione di carattere la ha apprezzata. Sapevo che fosse malato da tempo ma queste notizie ti lasciano sempre impreparata. Mi auguro che dovunque sia possa trovare un pò di pace», conclude Morace.
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA