Gattuso: «Spero che Higuain rimanga qui il più possibile»

Venerdì 11 Gennaio 2019 di Salvatore Riggio

Il Milan torna in campo. Domani si gioca la Coppa Italia in casa della Sampdoria, in attesa della Supercoppa Italiana contro la Juventus. Con la grana Higuain, al centro di insistenti voci di mercato: «Spero che rimanga da noi il più possibile», le parole di Rino Gattuso.

Milan. «C'è un bell'ambiente, abbiamo una gara molto difficile in casa della Sampdoria, ce l'andiamo a giocare sicuramente, sappiamo che affrontiamo una squadra che ha fatto molto bene in questo periodo e ci sarà lo stadio pieno, ci faremo di sicuro trovare pronti».

Coppa Italia. «Teniamo molto a questa competizione. L'anno scorso la Coppa Italia ci ha dato una delusione pazzesca, ma anche delle gioie. Domani sera partiremo per l'Arabia Saudita perché abbiamo fatto qualcosa di importante: abbiamo disputato una finale di Coppa Italia ed è un percorso che ci piace. Speriamo nella qualificazione, è vero che giocheremo contro una squadra in salute ma anche noi scenderemo in campo con la migliore formazione per dire la nostra».

Suso. «Non parlerei di pubalgia. Ha il solito problema che lo attanaglia da un mese a questa parte. Ha un'infiammazione al pube che gli sta dando fastidio e in questo momento deve guarire bene. Da quando siamo tornati non si è mai allenato con la squadra, aveva già stretto i denti contro la SalL, adesso non è in condizione di scendere in campo».

Higuain. «Gonzalo si è presentato bene, se non si allenava come piace a me non avrei preso la decisione di farlo scendere in campo contro la Sampdoria. Ci sono delle chiacchiere che lo riguardano in questo momento, ma vedo come si allena, la disponibilità che mi dà e la professionalità che ci mette. Il resto sono cose sue, di suo fratello, del suo procuratore che parla con Leonardo, spero che rimanga al più lungo possibile. Se non sarà così, vedremo. Fin quando sarà qua e ci metterà questa professionalità per me non sarà un problema».

Paquetà. «È un giocatore sveglio, è un giocatore con caratteristiche ben precise. Sembra un giocatore europeo e non brasiliano, fa le giocate da brasiliano ma sa tenere bene il campo, abbina qualità a forza fisica, recepisce subito, ha la calamita, il cervello gli funziona bene anche a livello tattico. Questo è qualcosa di importante. Sono sorpreso: è un giocatore di 21 anni che è arrivato al Milan dimostrando di possedere già professionalità e carisma. Vuole sempre la palla, si fa sempre vedere, si propone, rincorre gli avversari. Abbiamo fatto un grandissimo acquisto».

Ultimo aggiornamento: 18:03


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La doppia vita dei prof? Basta andare sui social

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma