Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gattuso, il retroscena sui baffi: «Colpa del rasoio di Fiori, sembro Buzzanca!». Social scatenati

Gattuso, il simpatico retroscena sui baffi: «Sembro Buzzanca!». Social scatenati
di Alessio Esposito
2 Minuti di Lettura
Sabato 13 Febbraio 2021, 21:13 - Ultimo aggiornamento: 21:32

Siparietto al termine di Napoli-Juventus con Rino Gattuso ospite di Sky Sport. Da studio Billy Costacurta chiede all'allenatore del Napoli, che sfoggia un inedito paio di baffi, se a sua moglie piaccia il nuovo look. Gattuso, divertito, risponde: «Non volevo andare dal barbiere perché parla tanto, così ho chiesto il rasoio a Valerio Fiori (preparatore dei portieri del Napoli ed ex calciatore del Milan, ndr) e ho fatto da solo. Fiori però mi ha dato un rasoio del 2003, mi sono trovato un buco in faccia, allora ho dovuto rasare tutto e lasciare solo i baffi... sembro Buzzanca!». Risate in studio. Il riferimento è all'attore Lando Buzzanca, celebre per il ruolo di protagonista nel film "L'arbitro", in cui il suo personaggio ha dei baffi molto simili a quelli del tecnico azzurro.

Il Napoli rinasce contro la Juventus: decide il rigore di Insigne. Gli azzurri resistono nella ripresa ed esultano con Gattuso

Intanto, già durante la partita, i social si sono scatenati nel commentare i baffi di Gattuso. C'è chi li accosta a quelli di Francesco Pannofino, chi invece paragona l'ex mediano di Milan e Nazionale a Super Mario. Un altro utente ironizza e scrive: «Gattuso ha rubato i baffi a Mario Rui». Il paragone più riuscito, però, sembra proprio quello di Rino con Buzzanca. Con un ringraziamento speciale al rasoio di Valerio Fiori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA