Roma, Fonseca ritrova se stesso e il successo con la spinta di Mourinho

Fonseca (foto Gino Mancini)
di Ugo Trani
3 Minuti di Lettura

Mourinho non ha svegliato solo la tifoseria. Il suo prossimo sbarco nella Capitale ha fatto bene alla squadra: la Roma è uscita a testa alta dall'Europa League, battendo 3-2 lo United all'Olimpico. Anche se era difficile cancellare l'umiliazione nella semifinale d'andata, 6-2 a Old Trafford, bisogna riconoscere ai giallorossi di essere scesi in campo concentrati e aggressivi per dare un senso alla serata e soprattutto per evitare un nuovo crollo. La risposta di Fonseca ai Friedkin, insomma, c'è stata, dopo il confronto di lunedì a Trigoria in cui è stato chiesto all'allenatore di concludere la stagione con prestazioni almeno dignitose,

MAGGIORE EQUILIBRIO 

Il Manchester ha chiuso in vantaggio il primo tempo  con il solito Cavani. Ma la Roma ha fatto la partita, soprattutto all'inizio, e avuto le chance migliori con Mancini e Mkhitaryan. De Gea è stato protagonista, con le mani e con i piedi. Il 4-1-4-1, con Mancini davanti alla difesa, ha aiutato i giallorossi a ritrovarsi. Dzeko ha fatto salire la squadra, Pedro e Mkhitaryan si sono accentrati per dar spazio rispettivamente a Karsdorp e Pedro. Piace anche Pellegrini quando si alza, con Cristante in copertura. La difesa, però, è quella di sempre, anche perché pesano le 13 assenze che diventeranno 15 con gli imprevisti a Smalling e Peres in partita: Cavani spreca due chance, la prima con pallonetto che rimbalza sulla traversa e calciando centralmente per la respinta di Mirante, poi fa centro. Prima della rete del centravanti, si fa male Smalling: dentro il mediano Darboe, con Mancini che torna in difesa. Pellegrini ha sul sinistro la palla del vantaggio, ma De Gea è piaazato bene.

RIPRESA ESALTANTE

Il secondo tempo della Roma è entusiasmante. Sorpasso con Dzeko (32° gol da romanista nelle coppe europee e 9° allo United), girata di testa su tiro strozzato di Pedro, e Cristante, destro da fuori. In pochi secondi le occasioni per Dzeko, Pedro e Pellegrini che sarebbero state utili per accendere il match. Solskjaer,  intanto, spoglia il suo 4-2-3-1, sostituendo i giocatori ammoniti nelle due gare. Cavani segna il suo tredicesimo gol ai giallorossi, colpo di testa su cross di Bruno Fernandes e solita dormita della linea difensiva. Esce Peres Mkhitaryan colpisce il palo, Zalewski entra per Pedro e debutta con il destro decisivo al volo e deviato da Telles.

Giovedì 6 Maggio 2021, 23:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA