Serie B, il Foggia batte la Cremonese: esordio positivo per Pavone

Venerdì 14 Dicembre 2018 di ​Vanni Zagnoli
L’anticipo è del Foggia, 3-1 alla Cremonese, che con Rastelli veniva da due partite positive. E’ la notte di Gaetano Pavone, figlio dell’ex ds Peppino, che ha fatto la storia dei dauni. Va in panchina al posto di Grassadonia, che non meritava l’esonero, dal momento che senza la penalizzazione i rossoneri sarebbero vicini ai playoff. Arriverà ora Pasquale Padalino, altro ex del grande Foggia di Zeman, che si sta liberando dal Lecce, da cui venne esonerato un anno e mezzo fa.

Il vantaggio al 14’, su cross da destra di Zambelli, errore di Marconi, e conclusione ravvicinata di Mazzeo a sorprendere Ravaglia. L’1-1 della Cremonese è a metà primo tempo, angolo da destra di Greco, Mogos di testa batte il 41enne Bizzarri: nonostante sia un difensore, è il capocannoniere di squadra, con 3 reti. Il nuovo allungo pugliese è su punizione, del solito Kragl, il tedesco miglior tiratore da fuori del campionato, uno da serie A, da anni. Da destra trova una traiettoria a uscire, che coniuga potenza e precisione. Il tris è su conclusione potente da 30 metri di Gerbo sulla traversa, Iemmello è pronto sul tapin ma con il Var la marcatura sarebbe stata annullata, per fuorigioco.

Il possesso palla è grigiorosso, senza però grandi opportunità, è più insidioso il Foggia, a parte la grande parata di Bizzarri su Arini.

Il Foggia non vinceva da 6 gare, la Cremo non passa in trasferta da oltre un anno, proprio dal successo al Pino Zaccheria. Si è giocato di fronte a quasi 8mila spettatori, in silenzio per la morte di un 50enne tifoso lombardo, che ha accusato un malore durante la sosta del pullman nei pressi di Teramo. Si parla di infarto.
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Gli strapperei le braccia»: Dessì e la cura al malaffare

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma