Fiorentina-Lazio, le pagelle: Marusic da antologia, Felipe spacca la partita

Giovedì 19 Aprile 2018 di Gabriele De Bari
STRAKOSHA 6
Due gol su calci da fermo, incolpevole anche sul terzo, neutralizza una bordata di Chiesa.
LUIZ FELIPE 5,5
Procura il rigore, con un intervento su Biraghi al limite, che lascia qualche dubbio. Messo a sedere da Veretout, in piena aerea, sulla terza rete.
DE VRIJ 6
Sfiora il gol su azione da corner con un tocco sotto misura. Esce dopo 25’.
CACERES 6,5
Pareggia di testa, complice una papera di Dragowski. 
MARUSIC 8
Una prova sontuosa, ricca di contenuti tecnici e tattici. Autentico protagonista. Presenta subito il badge di maratoneta con azioni arrembanti: offre un assist a De Vrij, scodella una serie di cross ed è presente anche in fase difensiva. Ripresa ancora sugli scudi: prima serve ad Anderson la palla del tre pari, quindi regala a Luis Alberto il passaggio per il 4-3. 
MURGIA 5
Danno procurato a Chiesa: espulsione e gol del vantaggio. Ma, in superiorità numerica, la squadra non doveva lasciarlo uno contro uno, su un rinvio del portiere.
LEIVA 6
Discreto primo tempo, cala nel nel secondo. Quando esce De Vrij arretra la posizione a protezione dell’inedito assetto difensivo. Gioca una quantità di palloni e si fa vedere anche in attacco, reclamando un rigore. Perde malamente la palla che porta la Fiorentina sul 3-2.
MILINKOVIC 6,5
Un avvio sottotono, lento e macchinoso, spesso anticipato dal quasi omonimo Milenkovic. Lievita nettamente nella ripresa. LUKAKU 6,5
Qualche volta litiga con il pallone ma è presente nella doppia fase con buona intensità. Pur giocando da terzo difensore copre l’intera fascia senza soluzione di continuità.
LUIS ALBERTO 8
Riapre la partita pennellando una punizione perfetta e la chiude con un tocco algido da rapace d’area. Decisivo.
IMMOBILE 6
Accerchiato e soverchiato, trova un paio di guizzi importanti: da applausi un destro a giro, l’arbitro prima gli accorda un rigore poi lo cancella per fuori gioco. ANDERSON 7
Entra per conferire maggiore vivacità alla manovra, riuscendo nell’intento. E trova anche il tre a tre con un fendente di destro. 
LULIC 6
Entra nel momento più caldo, dando un apporto importante.
CAICEDO NG
INZAGHI 7,5
Grave errore tattico, con l’uomo in più, far trovare Murgia solo contro Chiesa. La squadra dimostra carattere, reagendo e conquistando un prezioso successo Champions. Espulso per proteste.
DAMATO 2
Una serata costellata di errori gravi: molti dubbi sull’espulsione di Murgia e sul rigore assegnato a Biraghi. Annulla un gol valido a Simeone, salvato dal Var sul penalty di Immobile, che parte in fuori gioco. Opinabili anche i gialli e tanti atteggiamenti.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA