Europei, Mancini sui vaccini anti Covid: "Vengono prima i più bisognosi"

Europei, Mancini sui vaccini anti Covid: "Vengono prima i più bisognosi"
2 Minuti di Lettura

Roberto Mancini torna a farsi sentire sulla questione vaccini anti Covid ed Europei di calcio. Intervenuto a margine di una conferenza stampa per il lancio di uno sport che lo vedrà vestire i panni di testimonial d'eccezione, il ct della nazionale ha sottolineato quali debbano essere - secondo il suo pensiero - le priorità per tutelare la salute nazionale: "Spero che prima vengano vaccinate le persone che hanno più bisogno - spiega l'allenatore jesino - dunque le persone anziane, poi vedremo quello che sarà più avanti. Sarà la federazione a valutare", così Mancini.

Europeo, ok dell'Uefa al'Italia. Ma solo 64 mila gli spettatori per le 4 partite a Roma: tifosi sorteggiati e tracciati

I rischi

Anche i frequenti tamponi non bastano infatti a fermare l'ondata dei contagi anche nei gruppi sottoposti a controllo, ed è quello che è successo durante l'ultima finestra di incontri internazionali: "È capitato anche a noi nell'ultima trasferta - sottolinea il ct - avevamo viaggiato, eravamo tamponati e dopo, nonostante le negatività, sono venuti fuori dei ragazzi positivi". Un quadro generale che resta dunque complicato, ma la priorità secondo il Mancio restano comunque le fasce più deboli.

Europei, governo: «Sì al 25% dei tifosi». Gravina esulta: «L'Italia e Roma ci sono».

Giovedì 15 Aprile 2021, 18:26 - Ultimo aggiornamento: 18:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA