Europei 2021, l'Uefa nega lo stadio arcobaleno a Monaco: «No a riferimenti politici». E la Germania si indigna

Europei 2021, l'Uefa nega lo stadio arcobaleno a Monaco: «No a riferimenti politici»
di Giuseppe Mustica
4 Minuti di Lettura
Martedì 22 Giugno 2021, 12:37 - Ultimo aggiornamento: 16:41

Prima l’inchiesta aperta e chiusa nello spazio di qualche ora sulla fascia arcobaleno di Manuel Neuer (che non ha portato a nessun provvedimento nei confronti del capitano della Germania e nemmeno sulla federazione tedesca), adesso il diniego, dopo la richiesta del sindaco di Monaco, di utilizzare gli stessi colori per illuminare l’Allianz Arena in vista della gara contro l’Ungheria di domani sera degli Europei.

Draghi: «Finale degli Europei a Roma». E il premier spiazza la Uefa

Stadio arcobaleno, perché la Uefa ha detto "no"

L’Uefa dice no, quindi: «Siamo politicamente neutrali», spiegano. Sottolineando, nella nota che ufficializza questa decisione, che la lettera del sindaco Dieter Reiter, alla base di questa richiesta, è dovuta «ad una decisione politica che è stata presa dal parlamento ungherese». «La Uefa comprende che l’intenzione è quella di inviare un messaggio per promuovere la diversità e l’inclusione - si legge ancora - e ha proposto date alternative per l’illuminazione che si allineano meglio con gli eventi esistenti». Colorazione arcobaleno evitata quindi per la gara contro l’Ungheria, mentre si potrebbe fare il 28 giugno, oppure tra il 3 e il 9 luglio, chiude l’Uefa.

Questione politica

L’idea, dal ministro degli Esteri ungherese, era stata definitiva «nociva e pericolosa», tant’è che nell’ultimo mese era stata approvata una legge promossa dal partito del premier Orban che vieta la diffusione di qualsiasi contenuto che promuova l’omosessualità o affronti il tema del cambio di sesso. La decisione Uefa appare comunque in totale contrapposizione a quanto deciso per la fascia di Neuer

Italia-Galles, per il Black Lives Matter si inginocchiano in sei. I gallesi tutti e undici

Nel contesto non si fermano nemmeno le polemiche sugli azzurri che hanno deciso di non inginocchiarsi. E anche su quelli che lo hanno fatto prima della gara contro il Galles. Anche in questo caso, è evidente, si tratta di una questione politica che la Uefa permette alle squadre che lo vogliono e che ne fanno richiesta. Ma rimane sempre il nodo legato all’Ungheria: i tifosi infatti sono sotto osservazione per presunti eventi discriminatori avvenuti durante le gare giocare a Budapest

 

La replica bavarese

Non ha mancato di farsi sentire l'amministrazione bavarese di Monaco, che continua a tenere la posizion: «L’arcobaleno sarebbe un segnale che rappresenta la libertà della nostra società. La bandiera rappresenta come vogliamo vivere, nel rispetto reciproco e senza discriminazioni».

Interviene anche Ceferin

Anche il numero uno della Uefa Aleksander Čeferin è intervenuto per dire la sua sul tema che sta infuocando la vigilia del match che domani chiuderà la fase a gironi di Euro 2020. Nell'opinione dello sloveno la richiesta di colorare lo stadio di arcobaleno era una maschera per coprire una mossa politica che nulla ha a che fare con le logiche della lotta all'odio e all'intollerenza: «Era la richiesta di un politico, era chiaramente un segnale mirato a un atto politico di un governo di un altro Paese. Il calcio non può permettere di essere usato per scopi politici - dice il 53enne di Lubiana - Con tutto il cuore supporto e celebro Neuer che indossa la fascia arcobaleno. E con tutto il cuore sono a favore di uno stadio illuminato coi colori dell'arcobaleno in altre occasioni, come propone la Uefa, quando non sia per scopi politici».

© RIPRODUZIONE RISERVATA