Nazionale femminile, Bartoli e Girelli firmano il 2-0 dell'Italia contro Malta

Venerdì 4 Ottobre 2019
Sul fatto che l’Italia abbia meritato la vittoria c’è da poco da dire. Il 2-0 su Malta, arrivato grazie alla rete del capitano della Roma Elisa Bartoli e dal calcio di rigore realizzato da Cristiana Girelli in pieno recupero è un risultato giusto. Ma dalle azzurre ci si aspettava sicuramente di più. E, anche le scelte di Milena Bertolini non hanno convinto. Proprio la Ct azzurra aveva detto in fase di presentazione che la partita andava affrontata con umiltà. Ma forse nemmeno lei credeva più di tanto a quello che diceva visto che nella formazione iniziale non c’erano Girelli, Guagni e Sabatino. In una partita dove serviva la goleada per cercare di giocarsi la qualificazione con la Danimarca anche pensando alla possibile differenza reti, lasciare fuori le giocatrici che hanno segnato maggiormente in questo avvio di stagione è sembrata una decisione poco azzeccata. Ad esempio: qui le danesi ne hanno fatti otto di gol. Ma tant’è: ci prendiamo i tre punti e andiamo ad affrontare la Bosnia a Palermo nella prima gara in casa del girone rimanendo comunque a punteggio pieno.

PREDOMINIO STERILE E POCHE OCCASIONI
C’è l’esordio assoluto di Marinelli dal primo minuto. Bergamaschi viene abbassata sulla linea difensiva e, in attacco con Giacinti spazio a Tarenzi. L’Italia inizia la partita col piede giusto, cercando di girare palla in maniera veloce per scardinare il muro eretto dalla difesa maltese che pensa solamente a non prenderle. Le occasioni però latitano anche perché lì davanti c’è poco spazio. E, quando lo troviamo, non siamo ciniche. Vedi l’occasione capitata sui piedi di Giacinti che davanti a Xuereb invece di calciare cerca di servire l’accorrente Giugliano facilitando l’intervento di Lipman. Ci prova anche Galli con un tiro dalla distanza ma la sua conclusione è centrale. Al riposo è 0-0.

ENTRA GIRELLI E LA MUSICA CAMBIA
Si ravvede a inizio ripresa Bertolini: dentro Girelli per Marinelli - che paga l’emozione del debutto - ed è subito un’altra Italia. L’attaccante della Juventus cerca di cucire il gioco tra i reparti e arriva anche qualche occasione clamorosa. Come quella capitata a Tarenzi al 15’: l’interista però a due passi dalla porta spara addosso al portiere di casa. Passano solamente 8’ però per trovare il vantaggio. Bella combinazione Girelli-Bertoli con quest’ultima che, servita da un colpo di tacco della compagna, entra in area di rigore e dopo aver saltato il diretto avversario, con un diagonale di destro insacca sul secondo palo. Serviva la giocata per sbloccare una partita chiusa e più difficile del previsto. Il raddoppio arriva in pieno recupero con Girelli che trasforma il rigore concesso per un fallo di mano di Lipman su una conclusione a colpo sicuro dell’altra romanista in campo Manuela Giugliano. Portiere spiazzato e tutte sotto la doccia a pensare al prossimo impegno in Sicilia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La doppia vita dei prof? Basta andare sui social

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma