La Juventus piazza l'accoppiata: è
campione d'Italia anche con le donne

Lunedì 21 Maggio 2018

La Juventus Women è campione d’Italia. Le ragazze guidate da Rita Guarino battono il Brescia nello spareggio-scudetto giocato a Novara, resosi necessario per decretare la regina della Serie A 2017/2018 al termine di una stagione che le ha viste chiudere il campionato appaiate in testa al massimo campionato femminile italiano. Al suo primo anno in Serie A la Juve centra lo scudetto per un record che non era mai riuscito a nessun’altra squadra nella storia del football in rosa. In realtà gli obiettivi centrati sono due, perché come nel maschile, la vittoria del titolo nazionale consente l’accesso alla Women’s Champions League. Nella prossima competizione europea per club, l’Italia sarà quindi rappresentata dalla Juve e dal Brescia, sconfitto 5-4 ai calci di rigore, ma che potrebbe consolarsi con la Coppa Italia, dalla quale ha proprio eliminato le bianconere nei quarti di finale. La sfida-scudetto, andata in scena al Silvio Piola di Novara, è stato un punto di arrivo per il calcio femminile. Tanti spettatori e soprattutto tanto interesse da parte dei media. La partita è stata intensa ma non bellissima. Squadre spuntate, con le attaccanti non in serata di grazia. Come Barbara Bonansea, che per la Juve colpisce la traversa quasi alla fine dei 90 minuti, ma poi si fa parare il primo rigore della sequenza da Caesar (entrata al posto di Marchitelli, infortunatasi nel secondo tempo). Decisivi dal dischetto saranno però gli errori di Daleszczyk e Di Criscio. Il tiro dell’ex difensore del Verona finisce fuori e la festa bianconera può cominciare. Al Brescia va ben più dell’onore delle armi: la squadra di Giampietro Piovani, che peraltro raccoglieva la non facile eredità di Milena Bertolini (2 scudetti, 4 supercoppa e 2 coppa Italia), era stata razziata proprio dalla Juve che aveva portato in bianconero ben sette delle migliori leonesse. Per poi realizzare un campionato incredibile, tenendo sempre sotto tiro la squadra di Rita Guarino, fino a raggiungerla e chiudendo in perfetto equilibrio la stagione regolare. Tutto ciò senza togliere nulla alla Juventus, che ha realizzato un progetto ambizioso ed ha avuto il principale merito di portarlo a compimento con tenacia e convinzione. Venti vittorie, due sole sconfitte, 64 gol fatti e solo 9 subiti, la dicono lunga sul carattere e la qualità delle bianconere. Certamente l’ingresso della Juve, avvenuto appena la scorsa estate, ha dato un impulso a tutto il movimento. Il club, una volta deciso di entrare, ha voluto imprimere subito il suo stile, segnando un punto di svolta, e facendo qualcosa in più rispetto alla Fiorentina, la prima società professionistica in Italia a fare il suo ingresso nel calcio femminile. Lo scudetto della Juve ha di fatto alzato la posta della competizione, ed ora si attendono in estate altri prestigiosi arrivi nella Serie A femminile, come quelli di Roma, Milan e Inter. Per un calcio femminile sempre più bello ed importante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA