Italia, Di Biagio: «Da anni Cataldi è il più bravo. Deve essere solo più sfacciato»

Italia, Di Biagio: «Da anni Cataldi è il più bravo. Deve essere solo più sfacciato»
di Daniele Magliocchetti
3 Minuti di Lettura
Martedì 9 Novembre 2021, 00:08 - Ultimo aggiornamento: 16:23

E’ euforico Gigi Di Biagio (foto Ansa) per la prima convocazione in nazionale di Danilo Cataldi. Per l’ex giocatore di Roma e Inter ed ex tecnico Under 21, questa è una soddisfazione doppia e immensa.
 

Di Biagio, lei con Cataldi vinse il bronzo europeo con l’Under nel 2017: orgoglioso?
«Il merito è suo. È tra i più bravi che ci siano in circolazione, e non da adesso ma da anni».
E come mai solo ora?
«Già quando era con me faceva ottime cose in azzurro e con la Lazio. C’era Conte, poi, alla guida dell’Italia, lo seguiva e non faceva che chiedermi di Danilo, poi però si è un po’ perso, ma ora deve e può fare la differenza»
Crede sia giunto alla maturità?
«Dipende da lui, deve capire che la chiamata di Mancini è il punto di partenza e non di arrivo, ma lui lo sa. Per me è tra i più forti a centrocampo, può fare tutto, regista e mezzala. Non gli manca nulla: tecnica, forza e tiro. Deve solo essere più sfacciato e presuntuoso, se fa questo step, non lo ferma nessuno»


Sarri ha dato una bella spinta.
«Non ci sono dubbi, vado spesso a vedere i suoi allenamenti, ho parlato con Maurizio e di Danilo mi ha sempre riferito cose incredibili. E ora sta raccogliendo i frutti del suo lavoro».
L’ultimo consiglio?
«Non ne ha bisogno, Danilo sa quello che deve fare. Ora non si deve fermare, anzi mai come ora è il momento di alzare l’asticella e far vedere quanto è bravo. Molto più di quello che si pensa. Per la nazionale e per la Lazio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA