Il derby di Milano per la prima volta si tinge di giallo

Mercoledì 16 Novembre 2016 di Salvatore Riggio
MILANO Sarà un derby più affascinante rispetto a quello degli ultimi anni. È la classifica che lo dice. Il Milan di Vincenzo Montella - che punta forte sui giovani del vivaio - è terzo in classifica e sogna di tornare la Champions League o comunque l'Europa dopo anni di delusioni. Da parte sua, l'Inter ha appena cambiato tecnico: da Frank de Boer a Stefano Pioli per invertire la rotta di un inizio sciagurato. Dopo il successo di settembre contro la Juventus, per i nerazzurri sono arrivate soltanto sconfitte. Sarà un derby diverso anche perché sarà il primo Made in China. Ad Appiano Gentile Suning si è insediato questa estate diventando azionista di maggioranza e lasciando a Erick Thohir la minoranza del club di corso Vittorio Emanuele. A Milanello ogni giorno è buono per il closing e la firma su tutti i documenti che sanciranno la cessione della società da Fininvest alla cordata asiatica della quale non si sanno ancora tutti i nomi. Ma stavolta abbiamo una data: il 2 dicembre o, male che vada, il 13. Poi, cambierà un'epoca e si entrerà in una nuova era. Sarà quindi un derby diverso perché l'ultimo in assoluto di Silvio Berlusconi e Adriano Galliani. Dopo 30 anni, l'ad rossonero cambierà vita, diventando presidente della Lega serie A, anche se lui dice di non pensarci ancora: «Mi hanno fatto molto piacere le dichiarazioni di Beppe Marotta. Il futuro? Ho ricevuto diverse chiamate. Io numero uno in Lega? Devono decidere le società».
PREPARAZIONE
Tornando al campo, Montella ha un solo dubbio: Bacca o Lapadula nel tridente? Il colombiano in rossonero è ormai a secco da più di un mese. Non segna dalla partita del 2 ottobre contro il Sassuolo (in gol su rigore). Il centravanti italiano è in forma dopo il gol di tacco contro il Palermo e la convocazione in azzurro. Per il resto, il tecnico potrà puntare sui suoi ragazzi terribili e ripetere le gare contro le dirette concorrenti: 10 punti conquistati contro Lazio, Fiorentina (un pari a Firenze), Sassuolo e Juventus. In attesa del derby appunto e della trasferta dell'Olimpico contro la Roma, in programma il 12 dicembre. Per il futuro si farà affidamento ai soldi cinesi per rinforzare la rosa, dicendo addio a giocatori come Rodrigo Ely, Vangioni, Honda e Luiz Adriano. Senza stravolgere la squadra, come ha espressamente chiesto Montella. Molte le novità anche ad Appiano Gentile. Pioli avrà a disposizione tutti i giocatori soltanto domani, mentre entro venerdì rientreranno in gruppo i 3 infortunati: Ansaldi, Palacio e Ranocchia. Un dubbio per l'allenatore nerazzurro: Banega o Brozovic? Il croato sembra essere tornato quello della passata stagione e le prestazioni con la sua Nazionale sono un chiaro segnale («Ha capito la punizione», la considerazione di Piero Ausilio). Inoltre, bisogna valutare le condizioni di Candreva. Con un occhio di riguardo al mercato di gennaio: per Biglia sarebbero pronti 26 milioni di euro, ma dall'Inghilterra insistono di un interessamento dei nerazzurri per Oscar del Chelsea, valutato 30 milioni.
 

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Giovani gamer isolati in casa. E intanto la pasta scuoce

di Raffaella Troili