Danimarca-Francia 0-0: le due squadre qualificate agli ottavi

Martedì 26 Giugno 2018 di Alberto Mauro

C’è anche la Francia agli ottavi di Russia 2018 – e si sapeva già -, ma da oggi con il primo posto del girone C, dopo il pareggio contro la Danimarca. Danesi secondi e qualificati alla fase ad eliminazione diretta, fuori Australia e Perù. Partita di rara bruttezza, giocata da entrambe le squadre per lo 0-0; nessun rischio, zero emozioni, ritmi blandissimi e sbadigli. Il primo 0-0 di Russia 2018 è una frenata indolore per i ragazzi di Deschamps dopo le prime due vittorie consecutive, ma dagli ottavi si capirà meglio di che pasta sono fatti Giroud e compagni. Bleus a fasi alterne che non hanno convinto pienamente nelle prime due del girone, ingiudicabili contro la Danimarca, la sensazione è che Deschamps abbia un gruppo dalle qualità indiscutibili ma ancora non completamente rodato. Cambiare non aiuta a compattare il gruppo, ma è utile per preservare i più stanchi e tenere tutti sulla corda, e con sei cambi rispetto all’ultima partita contro il Perù (Mandanda, Sidibé, Kimpembe, N’Zonzi, Lemar e Dembélé), DD può concedersi il lusso di risparmiare tre diffidati (Pogba, Tolisso e Matuidi) in panchina. In patria molti hanno storto il naso per un turnover eccessivo con il primo posto del girone ancora in ballo, ma Didier Deschamps non si è lasciato condizionare dalla critica: “Ho già preso le mie decisioni”. Francia decisamente meglio con l’assetto titolare, mai pericolosa dalle parti di Schmeichel e confusa a centrocampo. Partita piuttosto bloccata e senza emozioni, con il motorino Kanté - immune al turnover - che non riesce a dare dinamismo e spinta ai suoi da solo. Un solo tiro nello specchio per la Danimarca, possesso palla (oltre il 60%) dominato dai francesi. Al fischio finale di Ricci (tra qualche fischio dagli spalti) festeggiano entrambe le squadre, Deschamps centra l’obiettivo ottavi, ma non cancella le critiche.

LEGGI LA CRONACA

Ultimo aggiornamento: 18:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il pugno di ferro di Papa Francesco sui vescovi americani

di Franca Giansoldati