Daniel Guerini e la promessa al responsabile delle giovanili del Toro: «Se debutto in A ti regalo la maglia»

Daniel Guerini e quella promessa fatta al responsabile delle giovanili: «Sei la prima persona a cui darò la maglia»
di Alberto Mauro
3 Minuti di Lettura
Giovedì 25 Marzo 2021, 19:37 - Ultimo aggiornamento: 19:45

TORINO - «Se debutto in A sei la prima persona a cui voglio regalare la maglia». La promessa mai mantenuta da Daniel Guerini è una medaglia al petto di Massimo Bava, responsabile del settore giovanile del Toro, tra i primi a scommettere su quel ragazzino di grande talento, nelle giovanili granata.

Morto Daniel Guerini, l'ultimo allenamento a Formello: «Ciao mister, ci vediamo domani»

«Aveva qualità e doti incredibili, in Under 18 nella stessa partita segnò due gol su punizione, uno di destro e uno di sinistro, contro una squadra di Serie D. L’allenatore mi chiese se era destro o mancino, risposi che non lo sapeva nemmeno lui. Lo abbiamo coccolato, era lontano da casa e facevamo in modo che avesse contatti quotidiani con i genitori e non si sentisse mai solo. Eravamo attenti anche nelle piccole cose, alloggiava in convitto ma era spesso a casa di compagni che abitavamo a Torino, si faceva volere bene da tutti. Sarebbe potuto diventare un campione a Roma, aveva bisogno di tornare nella sua città, la cosa che più mi ha stupito è che già negli allievi e nei giovanissimi giocava a calcio».

Daniel Guerini morto, Immobile e i compagni della Lazio sconvolti: «Riposa in pace, Guero»

Il percorso di Daniel in granata è stato inarrestabile. «Avevo capito che sarebbe potuto diventare un calciatore vero, l’ho fatto firmare subito. Era un ragazzo solare, l’anno dopo lasciò Torino venne a trovarmi e mi chiese di tornare. In campo era un talento, ma doveva imparare a soffrire abbinando qualità a quantità, sacrificandosi per i compagni. Glielo ripetevo spesso». L’ultimo ricordo, il più toccante, non si dimentica per tutta la vita. «Avevamo un bellissimo rapporto, conserverò i suoi messaggi in cui mi scriveva ‘ti voglio bene direttore’».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA