La Croazia soffre ma va avanti: Rakitic segna il rigore decisivo contro la Danimarca

Domenica 1 Luglio 2018 di Salvatore Riggio

Modric si ricordi di costruire una statua in onore di Subasic perché è grazie al suo portiere che la Croazia vola ai quarti di finale dove sfiderà la Russia padrone di casa. È una gara incredibile, magari non ricca di emozioni, che alla fine premia la caparbietà della Nazionale di Zlatko Dalic, sicuramente non nella serata migliore di questo Mondiale. Continua così il sogno dei croati. Esce, invece, tra gli applausi la Danimarca che segna il vantaggio già al 1’ con M. Jorgensen e si fa raggiungere subito da Mandzukic (4’). Poi, i danesi giocano una gara attenta, lasciano pochi spazi agli avversari e cercano di colpire dai calci da fermo. La Croazia, a differenza di quanto aveva mostrato nel girone, questa volta ha paura e non riesce a giocare come sa. Così facendo manda all’aria tutto il secondo tempo, allungando il match fino ai supplementari. Ma sono gli ultimi 15’ a regalare tantissime emozioni. Modric al minuto 115 lancia Rebic che salta Schmeichel ma si fa atterrare in area da M. Jorgensen. Dal dischetto si presenta lo stesso Modric, m Schmeichel lo ipnotizza. Si va quindi alla lotteria dei penalty. Schmeichel è ancora super parando i tiri di Badelj e Pivaric, ma Subasic è ancora più bravo neutralizzando Eriksen, Schone e N. Jorgensen. Poi, è Rakitic a regalare i quarti alla Croazia. Con la Danimarca che esce a testa alta.

SEGUI LA CRONACA

Ultimo aggiornamento: 2 Luglio, 19:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il pugno di ferro di Papa Francesco sui vescovi americani

di Franca Giansoldati