Juventus, Cristiano Ronaldo può diventare un problema?

Martedì 12 Novembre 2019
TORINO Cristiano Ronaldo può diventare un problema per questa Juve? Sembra un paradosso ma è un dubbio legittimo, alla luce delle sue ultime prestazioni e dell'insofferenza pubblica per la sostituzione contro il Milan, la seconda in due partite consecutive. L'ultima volta capitò nel maggio 2018, con la maglia del Real Madrid, contro Villarreal e Barcellona. Stavolta però la reazione è veemente, in pochi minuti CR7 manca di rispetto a Sarri (all'uscita dal campo le telecamere pizzicano espressioni non oxfordiane nel suo labiale), ai compagni in panchina (imboccando direttamente la via degli spogliatoi) e a quelli in campo, abbandonando l'Allianz Stadium poco prima del fischio finale. Le parole distensive di Sarri a caldo non chiudono la questione, il day after è turbolento; si parla più della sostituzione che della Juve di nuovo in vetta alla classifica. Al netto dei primi segnali di conciliazione: la società juventina, in attesa delle scuse, comunica che non multerà il portoghese, e quasi in contemporanea arriva il messaggio di CR7 via social. «Partita difficile, vittoria importante» ma a fare la differenza è soprattutto l'hashtag #finoallafine che sa tanto di una mezza retromarcia, dopo l'adrenalina del post gara. Il caso però non è per nulla chiuso, al suo ritorno dalla nazionale Ronaldo dovrà chiarirsi prima con i compagni come anticipato da Sarri nel post Milan e poi con lo stesso allenatore alla Continassa.
SCONTRO CON MAURIZIO
Tra i due c'erano già stati disaccordi in allenamento, settimane fa, per qualche schema di troppo mal digerito da Cristiano, decisamente più favorevole a una maggiore libertà d'azione degli attaccanti.Il primo screzio pubblico, invece, evidenzia i pieni poteri e l'autonomia decisionale di Sarri, oltre ad una buona dose di personalità per richiamare in panchina il cinque volte Pallone d'Oro al 10' della ripresa, così come i limiti caratteriali di un grande campione che fa fatica ad accettare un ruolo da comprimario. Come due mesi fa, quando disertò la cerimonia del Fifa Best Player Award 2019 consegnato a Messi.
PARATICI IN MISSIONE
La gestione del caso Ronaldo è affidata a Paratici in prima persona, mentre sul saluto militare di Demiral con la maglia della Turchia era intervenuto Nedved. L'intenzione della Juventus è chiudere al più presto l'incidente diplomatico perché più la frattura tarda a ricomporsi più la gestione di CR7 rischia di diventare complicata per Sarri e per gli equilibri dello spogliatoio. È stato un mese complicato per Cristiano, alle prese con un calo atletico, appena due gol realizzati (di cui uno su rigore), un ginocchio limitato da una noia al collaterale, e la rimonta di Messi nel personale duello dei gol segnati in carriera. Ma non basta a giustificare la sua uscita di scena isterica, sotto gli occhi dei tanti giovani di tutto il mondo che lo considerano un modello di riferimento, in campo e fuori. L'aria del Portogallo potrebbe fargli bene, il doppio impegno decisivo contro Lituania e Lussemburgo distrarlo dalle vicende bianconere. Ma da Ronaldo la Juve si aspetta molto di più. Ultimo aggiornamento: 13:19


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma