CORONAVIRUS

Coronavirus, in Bielorussia il campionato va avanti, e arrivano anche le cheerleaders

Domenica 5 Aprile 2020
Mentre negli altri paesi si discute di tagli salariali ai calciatori e se e quando ricominciare a giocare, in Bielorussia prosegue la Visshaya Liga, ovvero la massima serie di uno dei pochi paesi (gli altri sono Nicaragua, Burundi e ora anche Tagikistan) dove ancora si gioca. In questo caso specifico anche a porte aperte, e dal turno che si sta svolgendo in questo fine settimana, anche con una novità, nonostante la pandemia: in campo, a spronare i non troppi tifosi presenti sugli spalti, sono comparse le cheerleaders. È successo prima e durante il match tra Dinamo Minsk e Torpedo BelAz, finito 2-0, dove le ragazze in biancoblù si sono esibite assieme alla mascotte del team della capitale.Sugli spalti, distanziati fra di loro e quasi tutti con la mascherina, c'era un migliaio di spettatori, e non di più, perché i vari gruppi ultrà, compresi quelli della Dinamo, hanno deciso di boicottare il campionato. Infatti sono contrari al fatto che si giochi, nonostante finora in Bielorussia il coronavirus abbia provocato solo cinque morti. Ma più che quella di gruppi del tifo organizzato conta la volontà del Presidente Aleksandr Lukashnenko, sceso in campo nei giorni scorsi nell'hockey ghiaccio (altro sport che non ha interrotto l'attività), e poi a far continuare il campionato bielorusso ora c'è un altro fattore: dieci paesi, secondo quanto ha annunciato il portavoce della federcalcio locale, Aleksander Aleinik,hanno acquistato i diritti televisivi del torno, per trasmetterlo nei rispettivi paesi.

Nell'elenco ci sono emittenti di Russia, Ucraina, India, Israele e altri, ha rivelato la stessa fonte. «E per questo continuano a mandarci in campo - ha commentato il brasiliano Danilo Campos, centrocampista della Dinamo Minsk -. Ogni settimana si dice che il torneo verrà interrotto, poi viene sempre fuori qualcosa, o una scusa, e ci fanno giocare. Ora hanno tirato fuori la storia dei diritti televisivi. È vero che prima e dopo di ogni partita ci misurano la temperatura, ci riempono di gel e alcol e a casa ci costringono a mangiare alimenti sani, ma molto di noi hanno ugualmente paura». Però la Visshaya Liga va avanti, è sceso in campo anche il Bate Borisov, che ha vinto per 1-0 contro il Ruh Brest: il pubblico sugli spalti ammontava a 500 unità, e solo persone di uno stesso gruppo familiare potevano stare uno accanto all'altra. La media in campionato di questo club, in passato abituale frequentatore delle coppe europee, è di 2400 spettatori a partita, ma nell'epoca della pandemia, e dei bar dello stadio chiusi quindi non si può bere, va bene anche che siano poco più di un quinto: l'importante è giocare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani