Copa Libertadores, oggi la finale Flamengo-River: talento contro "garra"

Venerdì 22 Novembre 2019
Brasiliani contro argentini, ovvero il talento contro la 'garrà: la finale di Coppa Libertadores, in programma stasera (saranno le 21 in Italia) al Monumental 'Ù di Lima metterà di fronte il top del calcio sudamericano, quanto di meglio il continente di Pelè e Maradona possa oggi mettere in campo. A giocarsi la Champions del Sudamerica, la prima in 60 anni di storia della competizione che verrà decisa in una partita secca, saranno il River Plate e il Flamengo e sarà una finale inedita tra due squadre simbolo di Argentina e Brasile. Sarà la 15ma volta che squadre dei due Paesi si sfidano nell'ultimo atto del trofeo ed il bilancio pende in favore dei club argentini che su 14 finali hanno prevalso 9 volte. Il River, tra l'altro, è anche il campione uscente, frutto dello storico 'Superclasicò di un anno fa contro il Boca (di nuovo battuti in semifinale quest'anno): ora insegue il suo quinto trofeo dopo le vittorie nel 1986, 1996, 2015 e lo scorso anno, mentre il Flamengo - uno dei club storici del Brasile, allenato dal portoghese Jorge Jesus - giocherà invece la sua seconda finale a 38 anni di distanza dalla prima.

I 'Los Millonarios' di Marcelo Gallardo arrivano alla sfida con i favori del pronostico, ma l'ex tecnico del Benfica crede nell'impresa: per non dare alcun vantaggio agli avversari, ha fatto allenare la squadra in un campo della federazione peruviana dietro un muro di telone nero, appositamente costruito per tenere a bada la stampa e 'spiè argentine. Dopo la finale infinita dell'anno scorso, disputata a Madrid in seguito agli incidenti di Buenos Aires, la coppa torna quest'anno a giocarsi sul suolo sudamericano, con la grande novità della partita secca, sulla falsariga della Champions League. Un ultimo atto che anche quest'anno però ha avuto il suo bel daffare, visto che inizialmente Flamengo e River avrebbero dovuto giocare a Santiago del Cile: le proteste antigovernative in corso nel Paese hanno però convinto la Conmebol a spostare la finale nella capitale peruviana onde evitare altri problemi.

Le due squadra arrivano all'appuntamento senza grandi problemi di formazione: Gallardo starebbe valutando l'inserimento nell'undici titolare di un difensore in più (Paulo Diaz al posto di Palacios) che porterebbe a un più accorto 5-3-2, mentre Jorge Jesus fa grandre affidamento sul grande protagonista della stagione, l'ex interista (ad oggi ancora di proprietà nerazzurra) Gabigol, capocannoniere della Libertadores con 7 reti in 11 partite, che si gioverà dell'estro di Everton e dell'esperienza di Filipe Lus (ex Atletico Madrid) e Rafinha (ex Bayern Monaco), oltre a Gerson, ex centrocampista di Roma e Fiorentina.
Ultimo aggiornamento: 23 Novembre, 07:48


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’asse Ficcardi–Cacciatore, la coppia che punta l’indice

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma