Colleferro, Cedrone si chiama fuori
«A oggi iscrizione non garantita»

Martedì 4 Luglio 2017 di Tiziano Pompili
La Valle del Sacco calcistica è forse nel momento più complicato. Venute a galla le difficoltà della Vis Artena, più o meno note quelle di Serpentara e Cavese (dove si vivono ore di preoccupanti silenzi e soli annunci di uscite), ora è anche il turno del Colleferro. La “battaglia” col Comune per la gestione degli impianti è nota da tempo, ma adesso il rischio di una frattura pesante è dietro l’angolo. L’ormai ex presidente Fabio Cedrone, come annunciato da tempo, ha dato seguito alle intenzioni di dimettersi e dallo scorso 30 giugno ha rimesso la carica in mano al consiglio d’amministrazione del club rossonero.
 
«Ci ho messo la faccia e ho fatto brutte figure per colpa di altri – spiega l’ex numero uno del Colleferro -. Il Comune non ci ha dato la possibilità di lavorare e per questo ho deciso di uscire anche dal cda in modo tale da portare avanti le mie battaglie legali nei confronti dell’amministrazione comunale. A oggi non c’è ancora un bando scritto per la gestione degli impianti sportivi cittadini e nessuno ha risposto alle nostre sollecitazioni: per questo al momento non è garantita l’iscrizione della prima squadra al campionato di Eccellenza, anche perché la compagine societaria è rimasta la medesima e non ci sono stati nuovi ingressi che magari possano aiutarci. Il nostro gruppo societario porta avanti da quattro anni l’attività del settore giovanile e nella scorsa stagione si è tuffato nell’avventura della prima squadra perché aveva avuto delle garanzie che sono state disattese. E così certamente non si può andare avanti». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

"La signora che non può mangiare la ricotta perché..."

di Pietro Piovani