Juve pronta per la prova Monaco. Chiellini: «La sconfitta di Parma non inciderà». Allegri: «Sarà più dura di Dortmund»

Juve pronta per la prova Monaco. Chiellini: «La sconfitta di Parma non inciderà». Allegri: «Sarà più dura di Dortmund»
2 Minuti di Lettura
Lunedì 13 Aprile 2015, 18:49 - Ultimo aggiornamento: 19:24

Assalto alla semifinale. Atto primo. Chiellini è sul pezzo: "Avremmo preferito vincere a Parma, non influenzerà niente quella sconfitta, quando si gioca tanto e si raggiungono risultati positivi un calo fisiologico può capitare. Questa è una settimana troppo bella e troppo importante per farci influenzare da quello che è successo sabato". Un pensiero sugli avversari: "Il Monaco è una squadra dove c'è un mix di giocatori di esperienza internazionale e giovani che stanno emergendo, si sono riaffacciati al grande calcio, hanno trovato consapevolezza e continuità, miglior difesa in Ligue 1, in Champions hanno sorpreso tutti. Da parte nostra c'è grande rispetto, siamo pronti, non ci facciamo di certo condizionare dall'euforia dall'esterno, non li sottovalutiamo, non commetteremo questo errore. Secondo me c'è una crescita di questa squadra evidente, siamo cresciuti rispetto a due anni fa, siamo pronti a fare qualcosa d'importante, alle parole deve far seguito il campo". Chiellini ha parlato di Raggi: "Lo conosco da tantissimo tempo, dall'Under 21, è stato anche lui bravo e fortunato a cogliere l'occasione".

Massimiliano Allegri ha fatto pretattica: "Barzagli e Pirlo sono in buone condizioni, difficilmente giocheranno insieme, se scenderà in campo il primo sarà 3-5-2, con il secondo 4-3-1-2 . Tevez e Buffon sono recuperati. Deciderò domani mattina, dopo la rifinitura. Il nostro obiettivo è passare il turno, non mi interessa come. Tevez? Come tutti i grandi campioni, sono indispensabili per le grandi squadre". Sulla partita: "E' più complicata rispetto al Borussia, perché giocheremo contro una squadra che prende pochi gol. Il Borussia aveva altre qualità, il Monaco è l'opposto, ci vuole pazienza ed umiltà di affrontare una squadra molto forte dal punto di vista difensivo. Il Monaco ha meritato ampiamente questo quarto di finale, hanno vinto il girone, subendo un solo gol, hanno dei valori, in Francia la miglior difesa, i numeri non sono un caso, l'allenatore è bravo e furbo, per passare il turno bisognerà fare due belle partite, la qualificazione ce la giochiamo in 2 partite, servirà molta pazienza, giocare bene e sapere che non si risolverà a Torino, lo vorremmo tutti, ma è difficile, bisognerà sbagliare il meno possibile, anche se ci danno per favoriti, sarà molto difficile arrivare in semifinale se non giochiamo con la stessa intensità tecnica e mentale contro il Borussia".