INTER

Champions, Inter e Atalanta domani in campo contro Shakhtar e Ajax

Lunedì 26 Ottobre 2020 di Giuseppe Mustica

L’avvio in ritardo impone ritmi frenetici. L’Europeo in estate fa il resto. E quindi domani sera la Champions League torna in campo per la seconda giornata ad una settimana dal primo turno. Bello per gli appassionati, un po’ meno per gli allenatori che si trovano a preparare gare importanti in pochissimo tempo. Ma tant’è, si deve giocare. E alcune partite possono già rivelarsi decisive. Ma entriamo nel dettaglio.

GRUPPO A

Qui c’è il Bayern Monaco che, dopo aver distrutto l’Atletico Madrid, andrà a far visita alla Lokomotiv Mosca. Non c’è dubbio che i campioni in carica chiuderanno al primo posto nel girone e già domani (18:55) possono mettere una seria ipoteca. La forza dei bavaresi è impressionante. E la stessa sensazione la dà Roberto Lewandowski che sabato ha infranto un altro record in Bundesliga: è il primo calciatore ad arrivare in doppia cifra in sole cinque giornate. Interessante è anche l’altra partita in programma. L’Atletico del Cholo Simeone ospiterà il Salisburgo. Sulla carta non c’è partita, ma non è che i Colchoneros stiano attraverso un momento brillante. Per stare tranquilli serve solamente la vittoria. Non impossibile come detto ma abbiamo già visto che niente è scontato in questa strana Champions senza tifosi e soprattutto con impegni così ravvicinati.

GRUPPO B

Shakhtar-Inter (18:55) è la rivincita, per i padroni di casa, della semifinale di Europa League, quando i nerazzurri non ebbero pietà. Certo è che gli ucraini vengono dalla vittoria sul campo del Real Madrid e, sulle ali dell’entusiasmo, possono certamente piazzare un altro risultato importante. Ma la squadra di Conte non può permettersi passi falsi dopo il pareggio interno contro il Borussia Monchengladbach: serve vincere per mettere le cose in chiaro nel girone e per non ritrovarsi come l’anno scorso a giocarsi la qualificazione all’ultimo turno in un raggruppamento non certo impossibile. E come servono solamente i tre punti al Real Madrid di Zidane in Germania. I blancos freschi di vittoria esterna nel Clasico giocato sabato, devono riscattare anche la sconfitta di mercoledì scorso. La situazione in casa madrilena è migliorata, il tecnico francese ha stretto i bulloni della sua panchina e, recuperando Sergio Ramos, può fare bottino pieno. Anche perché basta poco, a Madrid, per rimettere tutti in discussione. Anche chi, come Zidane, ha appena battuto al Camp Nou il Barcellona.

GRUPPO C

Non si sta esprimendo al meglio il Manchester City di Guardiola che domani sarà impegnato sul campo del Marsiglia. Già al primo turno, contro il Porto, i Citizens hanno sì portato a casa la vittoria, ma le difficoltà sono state tante per una squadra che quest’anno punta decisamente ad arrivare in fondo. Il tecnico catalano lavora per questo, snobbando anche la Premier League: l’obiettivo è quello di portare a casa la Champions League. Ma non sarà semplice contro i francesi che hanno perso all’ultimo istante sul campo dell’Olympiacos. Se vogliono rimanere in corsa non possono permettersi un altro passo falso. Ed è chiamato alla riscossa il Porto di Sergio Conceicao che ospita appunto la formazione greca. In portogallo arriverà una squadra che ha dimostrato di sapersi difendere e, soprattutto, colpire anche quando la partita sembra finita. I portoghesi, nel girone, vengono subito dietro all’irraggiungibile City. Ma lo devono dimostrare sul campo. Una nuova sconfitta complicherebbe i piani.

GRUPPO D

La Dea, per la prima volta a Bergamo, riceve l’Ajax. La truppa di Gasperini viene dalla sconfitta contro la Samp; quella di Ten Hag dalla vittoria più larga nella storia dell’Eredivisie: 0-13 sul campo del VVV-Venlo. Due modi di avvicinarsi completamente diversi ad una partita che può già decidere, o quasi, le sorti del girone. Perché se l’Atalanta riuscisse a fare bottino pieno, allora la seconda qualificazione agli ottavi di Champions sarebbe sempre più vicina. Ovviamente il Liverpool è la squadra favorita del girone che, dopo aver sofferto in Olanda, ospiterà il Midtjylland in una partita che con ogni probabilità non avrà storia. Non c’è nemmeno bisogno di mettere in evidenza la differenza, enorme, di valori che ci saranno in campo. Sarà però una serata da ricordare per la squadra cenerentola del girone: chissà se mai riusciranno a ripresentarsi ad Anfield. Intanto però se la godono.  

 

Ultimo aggiornamento: 18:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA