Cavese, il tecnico Mazza costretto
a dimettersi per motivi personali

Giovedì 26 Luglio 2018
Paolo Mazza
Un fulmine a ciel sereno in casa della Cavese 1991, che arriva proprio alla vigilia del avia alla preparazione per il nuovo anno. Il tecnico Paolo Mazza, scelto per guidare la squadra del centenario, ha dovuto dimettersi e rinunciare alla guida tecnica della squadra di Eccellenza. Motivi personali, legati a vincende familiari ben più importanti del calcio, hanno portato l'ex tecnico di numerose squadre del Lazio a comunicare, al ds Guidi e agli altri dirigenti, di non poter proseguire il rapporto tecnico con la Cavese 1919.

La società, con in capo il patron Pasquazi, preso atto della situazione e manifestando tutta la sua vicinanza alla persona, ancora prima che al tecnico, si è riservata di prendere una decisione sul sostituto nelle prossime ore, quando è probabile ci sia una riunione alla quale dovrebbero prednere parte Rossini, Monecchi, Lauri e Guidi, aoltre al patron Pasquazi. La rosa dei possibili candidati alla panchina comprende i nomi di Gianluca Sgarra, Angelo Quinzi (entrambi ex Lupa Roma), Gianlui Staffa, Nunzio Iardino e Luigi Alvardi.

Lunedì prossimo, tuttavia, i programmi della società verranno rispettati, con l'inizio della preparazione (probabile che gli allenamenti vengano svolti da subito al campo Tor Bella Monaca che ospiterà la squadra durante tutto l'anno calcistico durante la settimana) che al momento è affidata a Carlo Galvanin, tecnico in seconda che è in corsa anche per una gestione ad interime della squadra.  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

"La signora che non può mangiare la ricotta perché..."

di Pietro Piovani