Calciopoli Belgio, 33 fermi e sequestri per 11 milioni. Rinviate partite di Serie B e sospesi due arbitri

Calciopoli Belgio, 33 fermi e sequestri per 11 milioni. Rinviate partite di Serie B e sospesi due arbitri
2 Minuti di Lettura
Giovedì 11 Ottobre 2018, 17:46 - Ultimo aggiornamento: 18:40

Trentatré fermi di cui 4 all'estero, sequestro di orologi di lusso e denaro per 11,7 milioni di euro. È il primo bilancio della Procura belga dell'operazione sulla 'Calciopolì fatta scattare ieri, e che ha coinvolto finora 9 club della serie A nazionale, gli agenti più noti del calciomercato belga, allenatori, manager, arbitri e giornalisti sportivi. Tre sono i filoni di indagine. Primo, le commissioni nascoste dell'agente Dejan Veljkovic, che avrebbe messo in piedi una costruzione finanziaria nei Balcani e a Cipro per ricevere da parte delle società di calcio (Bruges, Standard, Lokeren, Genk e Malines) 'premì per i servigi resi e 'bonus' per i calciatori. Secondo, le manipolazioni dei trasferimenti di giocatori per massimizzare gli introiti personali da parte dell'agente franco-iraniano Mogi Bayat, ai danni sia dei giocatori che delle squadre di calcio. Terzo, le ultime due partite di campionato del Malines, 'truccatè in combutta dai manager con Veljkovic per cercare di evitare la retrocessione, ma che non sono bastate per salvarlo.

Sono state sospese e rinviate a data ulteriore le partite della serie B belga della decima giornata di campionato in programma questo fine settimana. Lo ha annunciato la ProLeague belga. Il Malines, infatti, squadra che avrebbe 'truccatò le ultime due partite dell'anno scorso per non retrocedere ma senza successo e di cui sono stati fermati diversi dirigenti, gioca ora in B. Intanto i due arbitri di serie A coinvolti nelle partite truccate, Bart Vertenten e Sébastien Delferière, sono stati sospesi con effetto immediato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA