Roma, c'è Kamara per il centrocampo: Pinto insiste col Marsiglia, ma prima va ceduto Diawara

Roma, c'è Kamara per il centrocampo: Pinto insiste col Marsiglia, ma prima va ceduto Diawara
di Gianluca Lengua
3 Minuti di Lettura
Venerdì 14 Gennaio 2022, 12:12

La rivoluzione nel centrocampo della Roma non si ferma. José Mourinho rilancia e dopo l’arrivo di Oliveira aspetta quello di Boubacar Kamara. Tiago Pinto a domanda diretta, ha preferito rispondere con una battuta: «Per adesso pensiamo alla presentazione di domani (oggi ndc) di Sergio», ha detto ieri a microfoni spenti appena terminata la conferenza stampa di Maitland-Niles. Non un “no” secco, il general manager della Roma non ha voluto escludere categoricamente l’arrivo di nuovi rinforzi dando speranze allo Special One che, intanto, ha comunicato ai suoi calciatori che l’obiettivo di stagione è la qualificazione in Champions. Ma da cosa dipenderà l’acquisto del centrocampista del Marsiglia?

Calciomercato Roma, la strategia della società

Principalmente dalle cessioni e negli ultimi giorni molte sono andate a segno: Mayoral e Villar si sono trasferiti al Getafe e Calafiori al Genoa. Se dovesse incastrarsi anche quella di Diawara, allora la speranza si potrebbe tramutare in concreta possibilità. Anche perché Kamara è in scadenza di contratto con il Marsiglia, a giugno 2022 il club francese lo perderà a zero e la possibilità di darlo via a gennaio a una cifra intorno ai 20 milioni non sarebbe affatto male. Inoltre, al Marsiglia ci sono Under e Pau Lopez dati in prestito dalla Roma con diritto di riscatto e per entrambi è già scattato l’obbligo. I francesi, dunque, devono alla Roma 20,4 milioni, lo stesso valore del cartellino di Kamara. Sembrerebbe una strada senza ostacoli, considerando anche che Boubacar ha scelto di lasciare la Francia per trasferirsi in un altro club. I problemi, però, sono due: il primo è la concorrenza di società come Newcastle, West Ham, Barcellona, Bayern Monaco, Milan e Juventus; il secondo è Sampaoli, l’allenatore del Marsiglia. Kamara, infatti, è stato quasi sempre impiegato come titolare sia in campionato che in coppa, totalizzando la bellezza 22 presenze. Non esattamente un calciatore di cui il tecnico ha intenzione di privarsi. Saranno decisivi i prossimi 17 giorni, il pressing Pinto continua e Mourinho non molla la presa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA