Lazio, Muriqi verso il CSKA Mosca. Tare: «Ricevuta un'offerta dalla Russia»

Lazio, Muriqi verso il CSKA Mosca e Tare conferma: «Ricevuta un'offerta dalla Russia»
di Valerio Marcangeli
3 Minuti di Lettura
Sabato 15 Gennaio 2022, 15:36 - Ultimo aggiornamento: 16 Gennaio, 10:10

Stavolta c’è anche la conferma. Dopo le tante suggestioni di mercato su Vedat Muriqi, la Lazio stessa ammette di aver ricevuto un’offerta per il suo attaccante. A renderlo noto è stato il direttore sportivo del club capitolino, Igli Tare. Parlando al corrispondente di Sport24, Mikhail Mozharovsky il dirigente albanese si è espresso così: «Abbiamo ricevuto un'offerta dalla Russia, non posso dire altro». Pochi dettagli, ma una conferma rispetto a quanto emerso ieri dalla Turchia.

Calciomercato Lazio, l'offerta del CSKA Mosca per Muriqi

L’offerta dalla Russia sarebbe quella del CSKA Mosca. Il club rossoblù sarebbe disposto a mettere sul piatto un totale di poco più di 10 milioni di euro: 2,5 per il prestito oneroso fino a giugno e 8 per il riscatto obbligatorio. Si tratterebbe di un salvataggio in extremis anche a livello di bilancio per la Lazio che in tal modo eviterebbe anche la minusvalenza. In caso di fumata bianca Muriqi andrebbe a guadagnare poco più dei 2,2 milioni di euro percepiti nella Capitale. Superati concretamente i flebili interessi dall’Inghilterra di Leeds, West Bromwich e Hull City.

I nomi in lista se parte il kosovaro: Burkardt e Sesko in cima

Venisse accettata l’offerta del club russo la Lazio potrebbe finalmente sbloccare le prime trattative di gennaio dando una prima smossa all’indice di liquidità. Al momento sono tanti i profili che piacciono a Sarri per il vice Immobile. Quelli in cima alla lista sono Jonathan Burkardt del Mainz e Benjamin Sesko del Salisburgo, ma si tratterebbe per entrambi di investimenti molto al di sopra dei 10 milioni di euro. Restano vive poi le piste Zaza del Torino così come Lasagna e Kalinic dell’Hellas Verona che in caso torneranno in auge al termine della sessione. Prima però c’è da chiudere l’uscita di Muriqi, non ancora certa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA