Lazio, Acerbi: «Premier League campionato emozionante e affascinante. Il mio 2022? In biancoceleste»

Lazio, Acerbi: «Premier League campionato emozionante e affascinante. Il mio 2022? In biancoceleste»
di Valerio Marcangeli
3 Minuti di Lettura
Sabato 25 Dicembre 2021, 16:14 - Ultimo aggiornamento: 27 Dicembre, 11:36

Il 2021 di Francesco Acerbi sul campo si è chiuso bene: due vittorie condite da due gol consecutivi come non accadeva dalla stagione 2015/16 col Sassuolo. Unico neo l’infortunio al flessore della gamba sinistra. Per il Leone della Lazio però i problemi principali sono emersi al di fuori dal rettangolo di gioco. La frangia più calda dei tifosi biancocelesti non ha digerito l’esultanza polemica nella sfida col Genoa: gol e indice rivolto verso il naso per zittire chi fino a quel momento lo ha sempre sostenuto. Nonostante le scuse social del calciatore, gli ultras laziali non hanno cambiato idea. Dopo il duro comunicato che ne invocava l’addio al club capitolino è arrivato anche uno striscione affisso al di fuori dell’entrata della Curva Nord dell’Olimpico per ribadire il concetto: “Acerbi vattene”.

Acerbi: «Affascinante la Premier League, ma il mio 2022 è alla Lazio»

Intervistato ai microfoni di SkySport Acerbi ha commentato il suo più grande traguardo sportivo: la vittoria di Euro 2020 con l’Italia. «L'Europeo è una soddisfazione che ci porteremo dietro tutta la vita – le sue parole – Il pensiero di vincere un torneo del genere è fantastico». Eppure il Leone non è sazio e punta dritto verso un altro traguardo: «Ora c'è il pensiero di arrivare al Mondiale, ma mancano tre mesi. Adesso godiamoci il Natale in famiglia". Prima il difensore vuole concentrarsi sul campionato: «Allo spareggio ci ho pensato al sorteggio, che non è stato semplicissimo, ma siccome mancano dei mesi ci sono ancora altre partite, c'è il campionato. Quando sarà il momento avremo modo di pensarci». Acerbi ha rivelato anche di aver sfiorato l’Inghilterra in passato: «Ho avuto l'occasione di andarci a giocare. Mi sarebbe piaciuto, perché no. È il campionato più bello, è emozionante giocarci, è sicuramente molto affascinante. Ci sarei andato volentieri. Guardando le partite, anche per l'atmosfera e per come giocano – ammette il calciatore – confrontarsi con quel campionato è molto eccitante». Infine Acerbi si è lasciato sfuggire un pensiero anche sul suo futuro: «Se il mio 2022 è ancora alla Lazio? Sì, certo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA